TrentoDoc Madonna delle Vittorie Brut Millesimato: spumante da intenditori

Dalla grappa alle bollicine: la storica famiglia Marzadro ha allargato la sfera della sua attività anche al mondo dei Metodo Classico.

0
1376
trentodoc madonna delle vittorie

Dalla grappa alle bollicine: questo il passaggio compiuto dalla storica famiglia Marzadro, nata con il “lambicar” delle vinacce per produrre grappa in quel di Brancolino d’Isera in Trentino che, con il tempo, è diventata un punto di riferimento per il settore, fino ad allargare il campo delle proprie attività anche alla spumantistica, con un TrentoDoc Madonna delle Vittorie Brut Millesimato da intenditori.

Le uve della cantina Madonna delle Vittorie sono prodotte nell’alto Garda Trentino da vigneti situati nella piana di Arco e sulle colline di Nago-Torbole. Il TrentoDoc Madonna delle Vittorie è un classico Blanc de Blancs millesimato ottenuto da sole uve Chardonnay a bassa resa (massimo 80 quintali/ettaro) da vigne coltivate su terreni alluvionali con allevamento a guyot. 

Il particolare clima mediterraneo della zona (nota anche come areale di produzione di un ottimo olio extravergine d’oliva) caratterizzato dalla forte ventilazione pomeridiana calda dell’Ora del Garda e del mattutino e freddo Pelér favoriscono una maturazione regolare e priva di muffe delle uve.

Le uve vendemmiate vengono pressate sofficemente fino a raccogliere circa la metà del contenuto in succo (con le vinacce che vengono immediatamente avviate alla distillazione nell’altro ramo dell’azienda). Il mosto viene raffreddato e sottoposto a decantazione statica per 24 ore. Il mosto illimpidito viene inoculato con i lieviti selezionati ed avviato alla fermentazione in acciaio a temperatura controllata.

Il mosto evolve così per circa sei mesi prima dell’imbottigliamento e l’aggiunta di zucchero e lieviti per la maturazione finale che dura almeno 36 mesi prima della sboccatura che precedere la commercializzazione di almeno un paio di mesi per affinare ulteriormente il TrentoDoc Madonna delle Vittorie.

All’esame visivo nel bicchiere, lo spumante sfoggia un bel colore giallo paglierino con riflessi dorati da cui emerge un perlage decisamente fine e persistente. Al naso il TrentoDoc Madonna delle Vittorie Brut Millesimato offre un deciso sentore fruttato tipico delle uve Chardonnay, con delicate note di lievito e di crosta di pane. All’assaggio, questo Brut Millesimato offre una grande stoffa, lunga e persistente, sentori vellutati di frutta co un retrogusto di pasticceria.

A tavola (e non solo) il TrentoDoc Madonna delle Vittorie si comporta egregiamente, variando dagli antipasti a base di salumi e formaggi stagionati a piatti di buona grassezza, senza disdegnare i fritti. Una scelta da intenditori.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata