Un webinar sui nuovi principi di attestazione dei piani di risanamento

0
152

Dopo la pubblica consultazione con i Commercialisti, il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili ha pubblicato i nuovi Principi di attestazione dei piani di risanamento. L’impianto dei precedenti principi, che risalgono al 2014, è stato aggiornato secondo gli indirizzi giurisprudenziali, le novità del Codice della Crisi d’impresa e le conseguenze dell’emergenza Covid-19.

I nuovi principi di attestazione saranno presentati dai professori e commercialisti Alessandro Danovi e Andrea Panizza, in un webinar organizzato dall’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Padova che si terrà il 15 febbraio 2021 dalle 14.30 alle 17.30.

Tra i temi trattati: l’indipendenza e compenso dell’attestatore; definizione del perimetro delle verifiche; modifiche del piano e delle attività di monitoraggio; valutazione del miglior soddisfacimento dei creditori; incertezza sanitaria ed economica causata dalla pandemia Covid-19 suggerimenti di ausilio alla fattibilità del Piano; attestazioni speciali di cui agli artt. 182-ter, 182-quinquies e 186-bis l.fall.; attestazione di uscita dalla crisi.

La finalità dell’attestazione – si legge nel documento del CNDCEC – “è quella di tutelare i terzi creditori fornendo loro una corretta e completa base informativa per decidere se accettare o meno il piano”. Inoltre “l’importanza del lavoro dell’attestatore” – continua il lavoro – è deputata a rafforzare l’idoneità degli impegni assunti dal debitore mediante il piano e finalizzati al riequilibrio della situazione economico-finanziaria e a risanamento della posizione debitoria”.

Un altro tema rilevante è l’anticipazione che l’attestatore rilascia nella prassi, la c.d. “comfort letter”, in cui il professionista evidenzia in modo non vincolante “la prevedibile idoneità del piano a garantire il superamento della situazione di crisi.”

I destinatari ?dei principi sono i professionisti attestatori, il debitore che avrà a disposizione un’indicazione della tipologia di lavori che l’attestatore deve svolgere, i creditori dell’impresa, gli advisor e i professionisti che redigono il piano, gli organi della procedura di risanamento e soprattutto gli operatori economici o gli investitori che si potranno basare sull’attestazione per valutare la formulazione di proposte concorrenti.

Per approfondire i temi l’appuntamento è il 15 febbraio, iscrizioni: http://bit.ly/attestazionePD