Covid-19: i blocchi generalizzati all’economia servono ancora? Studio dell’Università di Stanford

In una comparazione degli effetti sanitari ed economici tra stati che hanno applicato il confinamento e altri no, emerge che la situazione pandemica non è mutata, ma è decisamente peggiorata l’economia nazionale. 

0
659
covid-19

Ad un anno di distanza dalla scoperta in Italia del primo caso di Covid-19 a Codogno nella Bassa Lodigiana, con le seguenti prime zone rosse tra Lombardia e Veneto, l’arrivo dei primi blocchi alla circolazione delle persone chiuse in casa con il divieto di frequentare chicchessia per evitare il diffondersi del contagio, che lezione si è imparata dalla gestione della pandemia?

Praticamente nessuna, anzi, si continua a perseverare sulla traccia fino ad oggi battuta con la chiusura di moltissime attività e la forte limitazione di altre creando non pochi problemi alle persone in fatto di vivibilità sociale e, soprattutto, di capacità di reddito, con la povertà che è schizzata ai massimi degli ultimi decenni.

Nonostante i ripetuti blocchi che hanno fatto sprofondare l’economia nazionale, la salute delle persone non ne ha guadagnato, tant’è che l’Italia ha superato la soglia psicologica dei 100.000 decessi da Covid-19, mentre l’economia nazionale è sprofondata. In questo video l’anticipazione dell’articolo più dettagliato pubblicato su “il NordEst Quotidiano” circa gli esiti della ricerca della prestigiosa università americana di Stanford.

Buona visione!

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social (ed iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci):

YouTube

https://youtu.be/gLJB4sXyQew

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata