Dopo i muli l’e-bike: gli Alpini avviano la sperimentazione

Gen. Berto: «possibile e plausibile un impiego militare». In prova le bici della trevigiana Fantic Motors presso le sedi addestrative di Villa Bassa in Alto Adige.

0
3373
e-bike

Dopo i muli quadrupedi e quelli meccanici, da sempre fedeli compagni degli Alpini in montagna, ora potrebbero arrivare anche le e-bike, le bici elettriche a pedalata assistita ovviamente adattate ad un impiego più gravoso di quello normalmente turistico ed amatoriale.

Difesa Servizi Spa, in collaborazione con la trevigiana Fantic Motor (azienda italiana leader nelle due ruote e marchio iconico del fuoristrada con il “Caballero”) e le Truppe Alpine dell’Esercito Italiano, ha avviato la sperimentazione delle e-bike in configurazione tattica, appositamente progettate per un impiego intenso su sentieri di montagna e in ambiente innevato. 

Presso l’area addestrativa di Villa Bassa in Alto Adige sono state consegnate 9 biciclette a pedalata assistita per una sperimentazione della durata di sei mesi. Sperimentazione di questo mezzo in chiave operativa che nasce dalle recenti esperienze maturate nei raid alpinistici delle Truppe Alpine che hanno fatto emergere la necessità di disporre di idonei mezzi per la mobilità, a basso impatto ambientale e acustico, tali da poter percorrere percorsi di media montagna in tempi brevi nel moderno contesto del “Mountain Warfare”. 

Per il generale Claudio Berto, comandante delle Truppe Alpine, «le Truppe Alpine hanno nella mobilità uno dei punti che sostanziano le capacità di affrontare le difficoltà di operare in un ambiente sfidante come quello montano». Berto ha definito «possibile e plausibile un impiego militare delle e-bike anche in quei luoghi che fatica e pendenze rendevano inaccessibili».

L’iniziativa permetterà alle Brigate alpineJulia” e “Taurinense” di condurre una sperimentazione per definire le caratteristiche in termini di performance e l’efficacia delle e-bike ai fini di un loro impiego tattico.

«La sperimentazione apre la strada ad una nuova ed importante attività di Difesa Servizi Spa – ha detto l’amministratore delegato Fausto Recchia – nel campo dell’attività di prova a favore dell’industria civile, che consente alle nostre Forze Armate di valutare nuovi strumenti e nuove tecnologie di potenziale interesse».

Secondo Mariano Roman, amministratore delegato di Fantic Motors, «lo “stress test” degli Alpini consentirà di acquisire ancora più dati per un miglioramento continuo del prodotto».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social (ed iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci):

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata