Fondi Psr: 15 Regioni promuovono la nuova impostazione

Superare il criterio storico di ripartizione dei fondi. Lettera anche a Governo e Ue contro stop sei territori regionali.

0
1115
fondi psr soldi finanziamenti euro agricoltura

Su iniziativa dell’assessore regionale dell’agricoltura della Sardegna, Gabriella Murgia, insieme ai colleghi di altre 14 regioni e province autonome, è stata inviata una lettera al ministro delle Politiche agricole, Stefano Patuanelli, e al commissario europeo per l’Agricoltura, Janusz Wojciechowski, in cui si ribadisce il sostegno all’impostazione data dall’esponente del Governo italiano al riparto dei fondi Psr (Programma di sviluppo rurale) per il biennio di transizione 2021-2022. 

«La proposta del ministro è un giusto bilanciamento delle posizioni espresse dalle regioni e prevede criteri oggettivi che tengono conto delle diverse realtà territoriali- afferma Murgia -. Al ministro Patuanelli ho sottolineato gli svantaggi strutturali che derivano dalla condizione di insularità e penalizzano, in termini di costi e di freno allo sviluppo, tutte le imprese agricole della Sardegna. Ho evidenziato, quindi, l’esigenza di una quota di cofinanziamento del programma da parte dello Stato maggiore». 

Nel corso dell’ultima seduta della Commissione Politiche agricole della Conferenza delle regioni, la proposta del ministro era stata bocciata da sei regioni che, si legge nella lettera, «si ostinano a pretendere esclusivamente l’applicazione del ripartostorico” dei fondi Psr, impedendo di addivenire a un’intesa. La maggioranza delle regioni e province autonome ha condiviso di utilizzare per la ripartizione delle risorse Feasr della nuova programmazione criteri in grado di cogliere oggettivamente l’incidenza della ruralità nei diversi contesti regionali».

La prima proposta delle 15 regioni e province autonome prevedeva il calcolo dell’indice di riparto sulla base di quattro parametri – numero aziende agricole, superficie agricola utilizzata (Sau), superficie forestale, produzione agricola (Plv) – pesati in modo paritario (25%). Successivamente, «le 15 regioni hanno sensibilmente modificato la proposta originaria, nel tentativo di considerare le argomentazioni espresse dalle 6 regioni contrarie». 

Sono così stati introdotti altri criteri: un quinto parametro relativo alla popolazione rurale dei comuni classificati C e D, volto a valorizzare maggiormente la ruralità; la differenziazione dei fattori di ponderazione tra i 5 parametri, per attenuare il peso della Plv (portata al 15%); un possibile meccanismo di compensazione riferito al riparto 2014-2020 (cosiddetto “storico”) per graduare l’impatto dell’applicazione dei nuovi criteri». 

«Ma le 6 regioni – si evidenzia nella lettera spedita a Roma e a Bruxelles – hanno continuato a non entrare nel merito della proposta, limitandosi a leggere in modo “funzionale” le norme di riferimento e il contesto al fine di giustificare il mantenimento del riparto storico, disattendendo l’impegno del 2014 e senza rendersi disponibili a ricercare un punto di mediazione e di sintesi». 

Insieme a Gabriella Murgia per la Sardegna hanno firmato la lettera Federico Caner (Veneto), Emanuele Imprudente (Abruzzo), Alessio Mammi (Emilia Romagna), Stefano Zannier (Friuli Venezia Giulia), Davide Sapinet (Valle d’Aosta), Enrica Onorati (Lazio), Alessandro Piana (Liguria), Fabio Rolfi (Lombardia), Mirco Carloni (Marche), Nicola Cavaliere (Molise), Marco Protopapa (Piemonte), Giulia Zanotelli (Trentino), Arnold Schuler (Alto Adige) e Stefania Saccardi (Toscana). 

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata