Scuola: Draghi non mantiene la promessa di prolungare l’anno fino alla fine di giugno

Due anni consecutivi di lezioni a singhiozzo hanno generato nei giovani buchi nella formazione che non riusciranno ad essere recuperati. 

0
106
scuola

Alla fine, nemmeno Mario Draghi e la sua capacità di convincimento è riuscito a scalfire il moloch sindacale della scuola che ha tirato dritto e terminato l’anno scolastico nella prima settimana di giugno, quando l’obiettivo era di arrivare almeno fino alla fine del mese per recuperare parte della didattica a singhiozzo per il secondo anno di fila.

Ti piace la rubrica giornaliera de “Lo Schiacciasassi”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

Un vero peccato che ha stupito anche “Lo Schiacciasassi”, in quanto i giovani escono dalle aulescolastiche con forti buchi nella loro preparazione, specie per le classi finali, con probabili maggiori difficoltà sul mercato del lavoro o nel superamento degli esami d’ammissione all’università.

Il mondo della scuola ancora una volta ha dimostrato di essere un corpo a sé, tetragono ad applicare un po’ di elasticità nel prolungamento di qualche settimana dell’anno scolastico per recuperare parte del tempo perduto. Ma i tre mesi di sospensione estiva paiono essere un totem insuperabile per i lavoratoridella scuola, che così confermano di puntare più alla conservazione del proprio status che un servizio a favore della collettività ed in particolare dei più giovani.

Peccato, poi, che nemmeno le realtà autonome siano riuscite a scalfire il meccanismo, ad evitare la serrata estiva della scuola, anche dinnanzi ad una situazione straordinaria come due anni di seguito di didattica in gran parte a distanza, con forti disparità tra gli alunni a causa della qualità dei collegamentidigitali e della disponibilità di tablet e computer domestici, specie in presenza di più alunni nella stessa famiglia.

Sarebbe bello che Draghi riuscisse a cambiare una volta per tutte il calendario scolastico, riducendo il sabba estivo ad un solo mese, spostando due mesi di vacanza a favore dell’alternanza scuola lavoro e per il volontariato: ne guadagnerebbe grandemente tutto il sistema della didattica e, soprattutto, quello della formazione dei futuri cittadini.

Ecco come la graffiante matita di Domenico La Cava interpreta la situazione.scuola

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata.

YouTube

https://youtu.be/lkfoZXSFmCs

Telegram

https://t.me/ilnordest

https://t.me/ViviItaliaTv

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata