Bevande Spiritose: l’UE vara il nuovo regolamento che istituisce il registro ufficiale IG

In Gazzetta Europea il Regolamento che rivoluziona le procedure delle Indicazioni Geografiche per il comparto e ne istituisce il registro ufficiale. Mazzetti: «passo importante, ora accelerare sul riconoscimento dei Consorzi di tutela».

0
2016
bevande spiritose

Pubblicati sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea il Regolamento delegato (UE) 2021/1235 e il Regolamento di esecuzione (UE) 2021/1236, con norme concernenti le domande di registrazione delle Indicazioni Geografiche delle Bevande Spiritose, le modifiche del disciplinare, la cancellazione della registrazione e il registro, l’utilizzo del simbolo e il controllo.

Una bevanda spiritosa è una bevanda alcolica con titolo alcolometrico maggiore o uguale a 15 % vol, prodotta mediante distillazione oppure macerazione o aromatizzazione di alcol etilico o di altre bevande spiritose.

I Distillati sono ottenuti mediante distillazione di prodotti fermentati (ad esempio, bevande fermentate, cereali o altri vegetali ricchi di glucidi o amidi, o residui della produzione di bevande fermentate). I Liquori sono ottenuti mediante aromatizzazione di alcol e/o di altre bevande spiritose, si distinguono per il sapore dolce (ad esempio, per l’Unione europea devono avere un tenore minimo di zuccheri di 70 g/l). Infine, gli Amari (o bitter) ottenuti mediante aromatizzazione di alcol, che si distinguono per il sapore amaro.

Tra i molti cambiamenti, una novità di grande portata: l’istituzione del primo registro ufficiale delle Bevande Spiritose a Indicazione Geografica che sostituisce l’Allegato III del Reg. 110/2008 a dimostrazione della volontà di tutelare il grandissimo patrimonio culturale ed economico europeo di settore.

Le modifiche all’impianto procedurale riguardano comunque anche altri importanti ambiti, come quelli relativi alle domande di registrazione come Indicazione Geografica, alle modifiche del disciplinare, alla cancellazione della registrazione, alle procedure di opposizione, all’utilizzo del simbolo e al controllo.

Secondo gli ultimi studi della Commissione europea, il settore delle Bevande Spiritose IG esprime nei Paesi UE un valore di oltre 10,35 miliardi di euro, pari a 13% del paniere complessivo delle Indicazioni Geografiche in Europa (che ha un valore totale stimato di 77miliardi di euro). Con il Regolamento Delegato, l’UE ufficializza il completamento del processo delle Bevande Spiritose all’interno del settore delle Indicazioni Geografiche, permettendo tutte quelle azioni di tutela e valorizzazione che contraddistinguono il comparto a qualità certificata. Viene così riconosciuto e tutelato il valore di produzioni dal grande patrimonio economico come la Grappa IG italiana dando nuovo slancio economico ad un settore importante dell’UE che potrà così affermarlo nel mondo in maniera più efficace.

«Il sistema delle Indicazioni Geografiche si rafforza e si completa con questa importante normativa europea che ingloba le Bevande Spiritose – commenta il presidente di Fondazione Qualivita, Cesare Mazzetti -. Ora occorre, a livello nazionale, accelerare per completare le procedure di riconoscimento relative ai Consorzi di tutela di questo settore, come avviene già nelle altre categorie di prodotto dove operano con grande efficacia e garantiscono il successo dei prodotti a IG sui mercati».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata.

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata