Discoteche: dopo due anni di chiusura gestori ora pronti alle proteste

Indino (Silb): «un comportamento al limite del persecutorio».

0
423
discoteche

Le anticipazioni che trapelano secondo cui il Cts sarebbe intenzionato a tenere ancora chiuse le discoteche hanno mandato su tutte le furie i gestori dei locali da ballo che lamentano due anni di chiusure e di indennizzi irrisori e con il contagocce.

«Se le cose andranno nella direzione delle indiscrezioni che trapelano, ritengo che la misura sia davvero colma. Le aziende dell’Emilia Romagna che rappresento ritengono che servano decisioni forti per ribadire la nostra contrarietà ad un comportamento al limitedel persecutorio nei confronti dei nostri imprenditori e dei lavoratori che vivono di questa attività. Saranno forme di protesta rumorose, di cui penso si parlerà» sbotta Gianni Indino, presidente del Silb-Fibe, il sindacato dei locali da ballo di Confcommercio.

I gestori delle sale da ballo dell’Emilia Romagna tornano all’attacco sulla riapertura delle discoteche, alla vigilia del Consiglio dei ministri che dovrà decidere sulle indicazioni arrivate ieri dal Cts su riaperture e capienze per sport e spettacolo.

«Domani – dice Indino – avremo la sentenza e io sono molto preoccupato. Il rischio più che mai tangibile è quello che nemmeno stavolta, dopo ormai due anni di chiusura, le istituzioni risponderanno alle nostre istanze di riapertura. Sono fortemente deluso. Vero è che di ufficiale ancora non c’è niente, ma le indiscrezioni provenienti da Roma fanno capire che ci sarà solamente una serie di imprese, di settori, che potrà tornare a lavorare con capienze aumentate, e di questo ne sono felice. Però, nei nostri confronti, non c’è mai attenzione e ci sentiamo oltremodo presi in giro».

Indino richiama la politica ad una soluzione concreta: «sul futuro delle nostre imprese rimane un silenzio assordante, nonostante le sollecitazioni del ministro Giancarlo Giorgetti, titolare del Mise. Il Cts, a quanto appreso, ha dato parere negativo per la riapertura dei locali da ballo. Cosa farà la politica adesso? Accetterà supinamente le decisioni del comitato, oppure farà valere il suo ruolo a favore di imprese e lavoratori?»

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata.

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata