Finanziaria 2022 approda al Senato e scatta la corsa al taglio delle tasse

Impazza la discussione su dove allocare gli 8 miliardi disponibili: bassi redditi che già ora non pagano tasse, redditi medi sempre penalizzati o aziende. 

0
629
finanziaria 2022

Il piatto forte della finanziaria 2022 è costituto dal taglio delle tasse e del fondo da 8 miliardi definito dal governo Draghi che ora il Parlamento dovrà decidere come allocare, magari pure rimpinguarlo attingendo risorse dalle altre voci di spesa, ad iniziare dallo spreco di Stato e volano di truffe che si chiama reddito di cittadinanza dove sono allocati la bella cifra di ben 10 miliardi di euro.

Ti piace la rubrica giornaliera de “Lo Ti piace la rubrica giornaliera de “Lo Schiacciasassi”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”.

La finanziaria 2022 è approdata al Senato con la discussione nella commissione legislativa. Tocca ai parlamentariaffinare la bozza di legge scaturita dal Consiglio dei ministri, con l’obiettivo di favorire e consolidare la ripresa economica del Paese. Obiettivo che si fonda soprattutto sul taglio della mostruosa pressione fiscale che grava su contribuenti ed imprese, che in Italia è superiore alla media Ue.

Dove allocare i tagli delle tasse? Su questa domanda fioccano le proposte, con grillini e sinistre varie che spingonoper foraggiare i soliti noti, ovvero i contribuenti a basso reddito che, di fatto, già ora pagano poco o nulla, visto che il 78,82% degli italiani dichiara redditi fino a 29.000 euro, contribuenti che versano solo il 28,36% di tuttal’IRPEF ponendosi sostanzialmente a carico dello Stato visto che pagano un’imposta insufficiente a coprire la spesaper le principali funzioni di welfare, vale a dire sanità, assistenza sociale e istruzione che nel 2019 è costata 1.930 euro pro capite.

Nella successiva fascia di reddito, quella da 29.001 a 35.000 euro, ci sono 3.303.701 contribuenti versanti, il 7,96%del totale, che corrispondono complessivamente il 12,78% delle imposte; più sopra, il 13,22% dei contribuenti con redditi da 35.000 euro in su sostengono il peso del finanziamento dello Stato, versando il 58,86% dell’IRPEF.

Buon senso ed equità vorrebbe che si concentrasse il taglio fiscale sui contribuenti dello scaglione da 28.000 euro in su, che oggi sono gravati da un prelievo folle del 38% a fronte di redditi netti di poco più di 2.000 euro al mese, tutt’altro che ricchi, visto che i contribuenti degli scaglioni inferiori hanno già incassato.

Se poi avanzano risorse, buona cosa sarebbe tagliare l’Irap, una tassa regressiva che grava su imprese e lavoro autonomo che penalizza l’occupazione e i costi finanziari accesi per sostenere la produzione e la crescita aziendale.

Ecco come la graffiante matita di Domenico La Cava interpreta la situazione.finanziaria 2022

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata.

Ti piace la rubrica giornaliera de “Lo Ti piace la rubrica giornaliera de “Lo Schiacciasassi”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”.

Ti piace “ViViItalia Tv”? Sostienici!

YouTube

https://youtu.be/HZ1EJ-rQT68?sub_confirmation=1

Telegram

https://t.me/ilnordest

https://t.me/ViviItaliaTv

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata