La Finanziaria 2022 è ancora una scatola vuota nei punti fondamentali

Reddito di cittadinanza, taglio delle tasse e riassetto pensionistico: tasselli fondamentali della manovra.  Di Mauro Marino, esperto in economia. 

0
11525

Dopo l’approvazione (con appaluso) al Consiglio dei ministri il disegno di legge Finanziaria 2022, non è stato ancora calendarizzato al Senato della Repubblica per cominciare l’iter che dopo il passaggio alla Camera dei Deputati porterà alla definitiva approvazione entro il 31 dicembre 2021.

Questo ritardo è dovuto ai contrasti nei partiti della maggioranza su come operare sui tre maggiori capitoli di spesa che compongono la legge Finanziaria 2022, vale a dire reddito di cittadinanza, diminuzione delle trasse e previdenza.

Nel Consiglio dei ministri, infatti, sono state approvate soltanto delle scatole vuote che poi dovrannonecessariamente essere riempite durante il dibattito parlamentare dove proprio a causa di una maggioranza troppo eterogenea le opinioni, le idee e gli interventi da attuare sono molto diversi tra i vari partiti.

Quello che rimarrà fisso è l’importo complessivo della manovra 2022 che vale circa 30 miliardi di euro ma, rispettando i saldi finali, ci sarà l’effetto elastico con i partiti che tireranno da una parte all’altra per non scontentare i propri elettorati.

Il primo capitolo oggetto di notevoli contrasti della Finanziaria 2022 è proprio il reddito di cittadinanza voluto e ostinatamente difeso dal M5S. E’ il punto più controverso perché giornalmente vengono scopertifurbetti” (questa la definizione di Luigi Di Maio, ma meglio sarebbe dire truffatori) che godono di questo istituto non avendone diritto. Sui giornali e nelle TV sempre più spesso si scoprono camorristi, mafiosi, delinquenti di ogni genere che hanno usufruito del reddito di cittadinanza senza averne diritto e durante tutta l’estate abbiamo assistito a situazioni sconcertanti dove diversi giovani anziché rispondere a domande di lavoro preferivano prendere il reddito di cittadinanza e magari fare dei lavoretti in nero. All’interno della maggioranza di governo sia la Lega che Italia Viva e Forza Italia spingono per sostanziali modifiche dapprima aumentando notevolmente i controlli da parte della Guardia di finanza, poi concedendo il reddito di cittadinanza ex ante la verifica dei requisiti e non ex post come è avvenuto finora e, inoltre, sulla necessità di ridurre l’importo dopo un rifiuto da parte del percipiente arrivando all’abolizione del beneficio dopo due rifiuti di accettazione di una proposta di lavoro su tutto il territorio nazionale e non più dietro casa.

Altro tema caldo quello della diminuzione delle tasse. Alcuni partiti vorrebbero che tutti gli otto miliardi di euro messi sul piatto dal Governo andassero alla riduzione del cuneo fiscale, diviso tra imprese e cittadini, altri vorrebbero che si intervenisse sulla terza aliquota IRPEF quella per intenderci che va dai 28.001 ai 55.000 euro portandola dal 38% odierno al 34% diminuendo parallelamente l’IRAP; altri ancora che ci fosse una rimodulazione complessiva dell’IRPEF a beneficio soprattutto dei redditi bassi che già ora pagano poche o nessuna tassa.

Terzo capitolo importante della Finanziaria 2022 è quello della previdenza. Terminata l’esperienza triennale di “quota 100” che tante polemiche ha sollevato perché ha favorito principalmente lavoratori pubblici di sesso maschile, ora il governo mette sul tavolo circa un miliardo di euro proponendo “quota 102” (64 anni di età sommati a 38 di contributi) per il solo anno 2022, un’estensione dell’Ape Sociale, e l’istituzione di un fondo di 600 milioni in tre anni per consentirel’uscita dal mondo del lavoro di 62enni che operano in piccole aziende in crisi, essendo disponibile ad aumentare al massimo di 500 milioni la disponibilità sulla voce previdenza. In pratica, dopo aver tergiversato per troppi mesi sposta la discussione di una nuova legge previdenziale all’anno prossimo. Sarebbe auspicabile intervenire da subito su questo tema, ma sono stati messi sul tavolo troppo pochi denari e i tempi sono strettissimi per affrontare seriamente entro fine anno un tema così spinoso per la vita delle persone.

Il premier Draghi ha assicurato che già all’inizio del 2022 sarà disposto ad iniziare con le organizzazioni sindacalitutta una serie di incontri per affrontare questa tematica, ma non conoscendo il destino del Premier, che ha tutte le carte in regola per diventare il prossimo Capo dello Stato, procrastinare il tutto potrebbe creare una situazione di stalloche potrebbe arrivare fino alla primavera del 2023 quando si andrà a votare con la reale possibilità che di riforma previdenziale non si parli fino all’autunno del 2023 con la maggioranza che scaturirà dalle prossime elezioni politiche.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata.

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata