Favorire la realizzazione in montagna di bacini idrici per prevenire gli incendi

Bond: «necessario togliere il diritto di veto delle Soprintendenze per realizzare strutture diffuse indispensabili per la prevenzione, utili anche per l’innevamento programmato». 

0
2505
bacini idrici

Gli incendi in montagna sono doppiamente pericolosi, vuoi per la presenza di ingenti quantità di materiale combustibile, vuoi per le difficoltà di accesso, vuoi per la carenza di acqua per spegnerli: di qui la proposta del deputato Dario Bond (Forza Italia) di realizzare bacini idrici in quota a servizio della prevenzione degli incendi boschivi, oltre che essere utilizzabili in inverno anche come serbatoi idrici per gli impianti di innevamento programmato.

«Bisogna agire molto di più e molto più puntualmente sulla prevenzione. Solo così si possono contrastare davvero gli incendi e salvare l’ambiente – ha detto Bond intervenuto alla Camera in sede di dichiarazioni di voto sul decreto 3341 (Disposizioni per il contrasto degli incendi boschivi e altre misure urgenti di Protezione Civile) -. Ringrazio tutti i soggetti che rappresentano l’impegno dell’antincendio boschivo, soprattutto alla fine di una stagione estiva pesante, con 93.000 interventi e oltre 200.000 ettari distrutti dal fuoco».

Per Bond due sono i problemi principali, non sufficientemente affrontati dal decreto: «la mancanza di un presidio sui territori, frutto dello spopolamento e dell’assenza sempre più forte di attività antropiche, dell’agricoltura e della pastorizia. E poi lo scarso investimento in prevenzione, resa complicata anche dalle Sovrintendenze».

Come soluzione ideale Bond avanza «la realizzazione diffusa di bacini idrici in quota, che quasi sempre non vengono autorizzati per un presunto impatto paesaggistico. E questo va in controtendenza rispetto a quanto previsto dal Pnrr. Bisogna agire in queste due direzioni per ridurre il numero di incebndi ed evitare di perdere boschi e biodiversità, anche imponendo un livello minimo di dotazione strumentale a tutte le Regioni. In tal senso, bene le risorse finanziarie messe a disposizione del decreto. Ma dobbiamo fare di più».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata.

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata