Omologato il concordato di Union Beton

0
220

È ​stato il Tribunale di Udine, presieduto dal giudice Francesco Vernier, ad omologare, lo scorso 28 ottobre, il concordato preventivo con continuità diretta di Union Beton Srl. L’advisor di Union Beton è l’ingegnere Stefano Castiglione di Atlhas Finance. Per gli aspetti legali è intervenuto l’avvocato Oliviero Comand, mentre gli aspetti fiscali sono stati curati dal commercialista Rodolfo Romanin. L’attestatore del piano è il commercialista Andrea Spollero di BRC Associati.

Union Beton di Gonars (UD) è una società attiva nell’estrazione di inerti in Friuli Venezia Giulia e Veneto. Nel 2020 i ricavi dalle attività caratteristiche ammontavano a circa 3,5 milioni di euro con un EBITDA di 298 mila euro, mentre il passivo concordatario ammontava a circa 13,2 milioni di euro di cui 5,4 di crediti privilegiati, 372 mila euro prededucibili, circa 6,6 milioni chirografari e 746 mila euro di fondo rischi.

Il piano di concordato, che ottenuto 6 voti favorevoli su 7, prevede la soddisfazione integrale dei creditori prededucibili e dei privilegiati entro un anno dall’omologazione, con l’eccezione dei privilegiati MPS/AMCO e Kerma, per i quali è previsto il rimborso entro il 31 dicembre del 2025. La soddisfazione per i chirografari sarà del 38% del credito.

Dei circa 1,7 milioni di euro di cassa previsti dal piano nel quinquennio 2020 – 2025 dall’attività operativa in continuità, già 1,3 milioni sono disponibili grazie all’eccezionalità dell’esercizio 2020. La restante parte è oggetto di garanzia da parte del nuovo socio General Beton Triveneta, società del gruppo trevigiano Tonon, che dal 12 novembre scorso ha rilevato la maggioranza di Union Beton: oltre ad un apporto di 1,85 milioni di euro di nuova finanza, General Beton porterà nuove competenze manageriali, la possibilità di beneficiare di economie di scala attraverso una maggiore integrazione nella filiera dell’escavazione di inerti.

Sempre sul fronte dell’attivo Union Beton conta sulla dismissione di alcuni immobili non strumentali per un valore di 3,4 milioni di euro, tra cui la Residenza Bolzan a Gonars, un capannone nella zona industriale di di Pradamano, alcuni terreni e pertinenze agricole o a vocazione turistica.

Scopri tutti gli incarichi: Stefano Castiglione – Atlhas Finance; Andrea Spollero – BRC Associati; Oliviero Comand – Cosmalex; Rodolfo Romanin – Romanin Rodolfo;