Assogasmetano: indispensabile rivedere il pacchetto Ue “Fit for 55”

Merigo: «viene penalizzato anche il biometano dove l’Italia è leader indiscusso». 

0
1350
biometano assogasmetano

«La proposta di pacchettoFit for 55” è incoerente con le direttive e le comunicazioni della Commissione europeadegli ultimi anni, si fonda su un errore metodologico, proponendo di misurare le emissioni dei veicoli allo scarico (“Tank to Well”) ad esclusivo vantaggio dei veicoli elettrici, addirittura non considerando le emissioni in atmosferaper la produzione dell’energia elettrica» afferma Flavio Merigo, presidente di Assogasmetano.

Nel corso dell’audizione sul pacchettoFit For 55” presso il Dipartimento per le politiche europee della Presidenza del Consiglio dei ministri, Merigo ha ribadito che la proposta della Commissione «non tiene conto dei sistemi economici ed ambientali per lo sviluppo dei carburanti alternativi nei singoli Stati membri (come indicato dalla Direttiva DAFI), nega, di fatto, la neutralità tecnologia ed il concetto di sostenibilità ambientale perché non risolve il problema dell’azzeramento delle emissioni di CO2 del settore automotive, dimenticando di calcolare il reale impatto di un veicolo sull’ambiente, dal momento della sua costruzione fino al suo smaltimento (di cui le emissioni allo scarico sono una piccola parte) che può essere effettuato solo con una valutazione più completa come il “Life Cycle Assessment” (LCA). Le proposte del pacchetto – prosegue il presidente di Assogasmetanocontrastano anche con la necessità di sviluppo dell’economia circolare che, solo un anno fa, era stata indicata come la maggiore priorità della Commissione europea per i prossimi anni e che, pertanto, è parimenti disattesa».

Nel corso del suo intervento, Merigo ha poi messo in risalto come, per l’Italia, il Biometano, che è un’eccellenza nazionale, «possa rappresentare un potentissimo strumento per raggiungere gli obiettivi imposti dal pacchettoFit for 55”. Oggi l’Italia, con circa 3 miliardi di metri cubi/anno equivalenti, ovvero il triplo degli attuali consumi del parco circolante alimentato a metano, è il terzo paese al mondo per produzione di Biometano. A breve si raggiungerà la quota di 6 miliardi di mc/anno, che saranno sufficienti ad alimentare 6 milioni di autoveicoli».

Merigo ha quindi esortato il Governo «a proseguire nel sostegno ai carburanti gassosi (che sono prodotti di transizione, la cui penalizzazione è in contraddizione con le politiche europee per lo sviluppo dei carburanti alternativi), a salvaguardare l’attuale rete di rifornimento (oltre 1.500 impianti) per essere pronti a rifornire i veicoliche utilizzeranno l’idrogeno come vettore energetico, in un prossimo futuro, sia per motori endotermici che per le “fuel cells”».

Infine, per Assogasmetano «a livello comunitario, occorre mantenere la possibilità degli Stati membri di stabiliredei livelli di tassazione, per i carburanti, atti a salvaguardare esigenze e sviluppi dei mercati individuali, con indici di tassazione basati sulle reali performance ambientali, garantendo il principio di “neutralità tecnologica”».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata.

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata