Sla: iniziativa di beneficienza di Sparkasse

“Ci muoviamo per chi non può muoversi e diamo voce a che voce non ha”. Proposta Cassa di Risparmio di Bolzano per l’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica AISLA. 

0
683
sla

Seguendo il motto “Ci muoviamo per chi non può muoversi e diamo voce a chi voce non ha”, i clienti Sparkasse hanno la possibilità di devolvere in beneficenza 1 euro a ogni prelievo presso gli sportelli bancomat della Cassa di Risparmio ai malati di Sla.

La Sla, sclerosi laterale amiotrofica, è una malattia che colpisce i motoneuroni, le cellule nervose cerebrali e del midollo spinale che permettono i movimenti della muscolatura volontaria. Le cause della Sla sono ancora sconosciute ma, una volta innescata, si assiste ad una inesorabile progressione della perdita delle funzioni motorie, di deglutizione, parola e del respiro. La Sla presenta una caratteristica che la rende particolarmente drammatica: pur bloccando progressivamente tutti i muscoli, non toglie la capacità di pensare e la volontà di rapportarsi agli altri. La mente resta vigile ma prigioniera in un corpo che diventa via via immobile.

«Abbiamo aderito molto volentieri a questa iniziativa propostaci dall’AISLA, partecipando e fornendo il nostro sostegno a questo progetto sociale che consiste in un aiuto concreto, direttamente in loco. Il progetto vuole offrire un sostegno ai malati che si trovano impossibilitati a muoversi e/o a parlare a causa della SLA ed ai loro famigliari. La possibilità di versare 1 euro durante un prelevamento bancomat è un modo semplice per dare un supporto. Siamo fiduciosi della sensibilità che dimostrerà la nostra clientela», sottolineano il presidente della Cassa di Risparmio, Gerhard Brandstätter, e l’amministratore delegato e direttore generale, Nicola Calabrò.

«Un progetto ambizioso e reso possibile grazie alla visione di Sparkasse, e che si fonda sulla responsabilità di diffondere la cultura del dono. Per chi riceve, perché le famiglie possano avere gli adeguati sostegni per affrontare la sfida della malattia; per chi dona, perché un piccolo gesto si puç trasformare in un grande aiuto», dichiara la presidente nazionaledi AISLA, Fulvia Massimelli.

«Grazie ai fondi raccolti con le transazioni bancomat, potremo fornire gratuitamente un supporto concreto e diretto come la fisioterapia e il counseling con cadenza settimanale, che prevedono entrambi un oneroso costo a seduta» aggiunge Francesca Valdini, responsabile dell’AISLA in Trentino Alto Adige.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”,

iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata.

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata