Fipe Veneto: la crisi pandemica non può gravare sempre sui “soliti noti”

Il presidente di FIPE Veneto (pubblici esercizi), Erminio Alajmo, torna a chiedere con forza misure compensative: «salviamo le imprese». 

0
306
Fipe veneto
Il presidente di FIPE Veneto, Erminio Alajmo.

FIPE Veneto torna a sollecitare con forza nuove misure compensative per i pubblici esercizi, che in questi giorni, a causa del forte rialzo dei contagi, vedono compromessa o bloccata del tutto la propria attività.

«Ormai da quasi due anni – dichiara il presidente regionale della Federazione Italiana Pubblici Esercizi, di Confcommercio, Erminio Alajmo – conviviamo con una pandemia, eppure siamo sempre alla gestione emergenziale. Anche con l’ultimo decreto, entrato in vigore il giorno di Natale, il governo si è limitato a mettere una “pezza” al dilagare dei contagi, ma non ha pensato con la stessa sollecitudine a mettere nero su bianco la volontà di sostenere le aziende che più di altre sono uscite con le ossa rotte dai nuovi provvedimenti: discoteche in primis, visto che sono costrette alla chiusura fino al 31 gennaio, ma anche tutto il mondo della ristorazione, dei bar e dei pubblici esercizi in genere».

Secondo FIPE Veneto, che in Regione rappresenta circa 13.000 dei 20.000 pubblici esercizi in attività, occorrono misure concrete e immediate, ad evitare che tantissime imprese si trovino costrette ad abbassare per l’ultima volta la serranda, con tutte le conseguenze che ne deriverebbero anche in campo occupazionale.

«Noi imprenditori – prosegue Alajmonon possiamo continuare a portare da soli sulle spalle la croce della pandemia per tutti gli altri. Se vogliamo salvare imprese e occupazione, dobbiamo tagliare le voci di costo, prevedere nuovi ristori e una moratoria fiscale, prorogare la cassa integrazione e posticipare le scadenze di mutui, bollette e pagamenti vari almeno fino al termine dello stato di emergenza. Poi sono necessarie una serie di micro-misure come il credito d’imposta su affitti e locazioni. Sarebbe una bella boccata d’ossigeno».

Un appello viene lanciato ai rappresentanti politici del territorio: dai parlamentari veneti, fino al presidente della Regione, Luca Zaia. «Chiediamo a tutto il mondo della politica – conferma Alajmo – di mobilitarsi insieme ai nostri imprenditori nel comune obiettivo di tutelare il lavoro. Non possiamo entrare nel merito dei provvedimenti anti-Covid presi dal governo – è evidente che se sono così restrittivi è perché la situazione è grave – ma vogliamo che sia ricordato l’impatto devastante che questi provvedimenti hanno sull’economia. Le imprese non possono essere lasciate da sole a subire gli effetti della pandemia. In questo momento penso, in particolare, alla filiera turistica, da sempre fiore all’occhiello della nostra regione e motore dell’economia, che ora rischia il collasso, con migliaia di imprese e decine di migliaia di lavoratori senza futuro. Un patrimonio di saperi e di professionalità che il Veneto non può permettersi di perdere, sarebbe come tornare indietro di trent’anni».

Altro invito Alajmo lo rivolge ai consumatori, vero e proprio “patrimonio” dei pubblici esercizi, che tuttavia rischia di essere perso per sempre: «continuate a frequentare i bar, i ristoranti, le pizzerie, le pasticcerie, i locali serali e tutti i pubblici esercizi, che in questi mesi hanno fatto investimenti in arredi e attrezzature, rimodulato gli spazi e adottato misure di contrasto al virus. I nostri locali possono essere frequentati con tranquillità, nella certezza di essere accolti in sicurezza».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”,

iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata.

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata