Peste suina africana, dal Mipaaf 50 milioni per risarcire allevatori

Due fondi ad hoc nel decreto sostegni. Assica, bene i fondi, ora incrementare plafond. 

0
5050
peste suina africana

Cinquanta milioni per risarcire gli operatori della filiera suinicola dai danni causati ai loro allevamenti dalla Peste suina africana: lo ha deciso il ministero delle Politiche agricole con due fondi specifici: il “Fondo di parte capitale per gli interventi strutturali e funzionali in materia di biosicurezza”, con una dotazione di 15 milioni di euro per l’anno 2022 e il “Fondo di parte corrente per il sostegno della filiera suinicola”, con una dotazione di 35 milioni di euro per l’anno 2022. I fondi sono stati istituiti nel decreto Sostegni Ter appena approvato dal governo Draghi.

«Ringraziamo il governo e il ministro Patuanelli per aver dimostrato in tempi rapidissimi l’attenzione delle istituzioni alla grave situazione di difficoltà attraversata dalla suinicoltura italiana anche a causa dell’emergenza della peste suina africana riscontrata in animali selvatici nel nord del Paese – afferma Ruggero Lenti, presidenbte di Assica, la filiera dei salumieri italiani -. Si tratta di un intervento urgente che stanzia alcune prime risorse sia per rafforzare le misure di contrasto all’eventuale diffusione della malattia veterinaria tra gli animali sia per provare a garantire un indennizzo alle imprese della filiera che vedono il proprio export sfumare a causa dei blocchi cautelari alle importazioni introdotte da alcuni Paesi extra europei».

Una prima stima dei danni elaborata da Assica attesta a circa 20 milioni di euro al mese le perdite del settore; ma se la situazione dovesse peggiorare e si estendesse il numero di Paesi terzi che potrebbero introdurre restrizioni al nostro export, avverte l’associazione, il danno aumenterebbe rapidamente anche oltre i 60 milioni di euro al mese e in un periodo in cui già i costi delle materie prime e le spese per energia assorbono risorse più del normale, con la pandemia che indurisce la morsa restringendo i consumi, è facile comprendere come l’equilibrio per la tenuta del settore e della filiera sia particolarmente a rischio.

«Auspichiamo che le risorse previste dal decreto possano giungere quanto più tempestivamente ed efficacemente possibile alle imprese, magari aumentandone anche la dotazione, in modo che – conclude Lenti– il ristoro sia più sentito dalle aziende del settore che già sostengono le pesanti conseguenze economiche dell’attuale scenario di mercato».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”,

iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata.

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata