Il Reddito di cittadinanza fallisce nel trovare lavoro ai disoccupati

Secondo l’Inps il 70% è un percettore fisso e coinvolge 2 milioni di famiglie. Di fatto il simbolo grillino è solo un sussidio alla povertà, con molte ombre e truffe.

0
1532
reddito di cittadinanza
Luigi Di Maio all'epoca della presentazione del reddito di cittadinanza.

Il Reddito e la pensione di cittadinanza funzionano come misura contro la povertà ma non come leva per il reinserimentonel mondo del lavoro: la conferma arriva dai dati dell’Inps che ha riscontrato come il 70% di quanti hanno iniziato a percepireil beneficio tra aprile e giugno del 2019 lo aveva ancora nell’ultimo semestre del 2021, evidenziando l’ennesimo fallimentodelle politiche di bandiera del Movimento 5 stelle.

Un documento dell’Istituto previdenziale spiega anche come il fenomeno risenta inevitabilmente della pandemia e dell’aumento delle difficoltà nella ricerca del lavoro. Nel complesso, sono state circa 4,65 milioni le persone coinvolte, circa 2 milioni di famiglie, con una spesa che sfiora i 20 miliardi.

«La persistenza – spiega l’Inps – sembra essere soprattutto legata alla nazionalità del richiedente, alla composizione del nucleo, all’area geografica di residenza, a indicatori economici». In pratica, tra le famiglie che hanno iniziato a prendere il reddito di cittadinanza nel 2019 i “persistentisono prevalentemente al Sud e nelle Isole.

A fine 2021 «quelli da più tempo presenti nella misura assistenzialistica hanno caratteristiche più sfavorevoli rispetto ai nuclei di recente ingresso», sostiene l’analisi dell’Inps evidenziando come nel trimestre aprile-giugno 2019, «su 100 soggetti beneficiaridel reddito di cittadinanza, quelli “teoricamente occupabili” sono poco meno di 60. Di questi: 15 non sono mai stati occupati, 25 lo sono stati in passato, e meno di 20 sonoready to work”, ovvero hanno una posizione contributiva recente, in molti casi con NASpI e part-time». In pratica, i beneficiari del reddito di cittadinanza sono in gran parte lontani dal mercato del lavoro.

«La misura – afferma l’Inps – riguarda effettivamente chi è a rischio di esclusione sociale»: due percettori su tre risiedono al Sud o nelle Isole (67% in termini di persone, 62% di nuclei, a dicembre 2021), ma lo squilibrio è anche spiegato «da indicatoridi disagio economico locale (alto tasso di disoccupazione, basso livello di istruzione, mancanza di servizi adeguati). E’ dunque il contesto a spiegare una parte dei divari dell’incidenza». Un gap che rivela quanto sia grave il deficit in termini di formazione e la necessità di puntare sulla riqualificazione delle competenze.

Per il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, il fondo europeoSure” è lo strumento per gestire l’impatto della transizione ecologica sul mercato del lavoro perché «la transizione è anche transizione di competenze. Stiamo ragionando con altri sulla possibilità di trasformare il fondo “Sure” in uno strumento che sostenga le transizioni: una sorta di mega cassa integrazione europea per il “reskilling” e l’“upskilling”».

Ma uno dei nodi di fondo è che il mercato del lavoro italiano «è pessimo e porta spessissimo a forme di occupazione povera – avverte la sottosegretaria al Mef, Maria Cecilia Guerra -. Dobbiamo puntare sulla qualità del lavoro», eliminare le cosiddette «forme atipiche e sottopagate che non consentono di guadagnare abbastanza per garantire una vita dignitosa».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata.

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata