Vent’anni di… Not

La commissione tecnica boccia il progetto di realizzazione del Nuovo ospedale del Trentino dichiarato vincitore della gara di appalto solo pochi mesi prima. Degasperi: «una situazione politicamente inqualificabile». 

0
210
not

Sono passati 11 anni dall’avvio concreto delle procedure per realizzare il NOT, il Nuovo ospedale del Trentino, oltre 20 da quando si è iniziato a discutere di come arrivare a sostituire l’attuale struttura del S. Chiara, oggettivamente inadeguato alle nuove esigenze della sanità e del comfort dei pazienti ricoverati (ancora oggi, molte stanze sono a 4 o 6 letti, senza i servizi in camera, centralizzati sul corridoio) e con forti difficoltà di manutenzione ordinaria e straordinaria. Ma ora l’iter è giunto al suo epilogo negativo con la bocciatura da parte della commissione tecnica incaricata di valutare il progetto presentato dalla vincitrice della gara di finanza di progetto, la ditta Guerrato.

Ti piace “ViViItalia Tv Trentino Alto Adige”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

In questa puntata di “ViViItalia Tv Trentino Alto Adige”, l’esperto in comunicazione e analisi politica, Gianfranco Merlin, e il direttore de “il NordEst Quotidiano”, Stefano Elena, intervistano il leader di Onda Civica Trentino, Filippo Degasperi, il consigliere provinciale che già all’atto dell’assegnazione dell’appalto alla ditta vincitrice aveva sollevato dubbi circa la corrispondenza della proposta progettuale contenuta nella finanza di progetto vincitrice dell’appalto alle richieste del bando di gara del NOT. Proprio quello che ora ha evidenziato la commissione di valutazione nel formulare la bocciatura del progetto.

L’interrogazione inviata da Degasperi alla giunta provinciale di Trento è rimasta senza risposta politica, ma ora è arrivata la risposta tecnica che mette sotto una nuova luce sia l’operato del governo provinciale a trazione leghista che quella della commissione tecnica che ha decretato il vincitore della gara d’appalto.

Ora, stante la bocciatura tecnica del progetto, serve un atto di coraggio da parte del governo provinciale guidato dal leghista Maurizio Fugatti, che passi dall’azzeramento completo di tutta la procedura di finanza di progetto del NOT, per arrivare ad un bando tradizionale dove la Provincia predisponga un progetto esecutivo adeguato del nuovo ospedale, magari provvedendo pure a spostarlo in una nuova localizzazione più adeguata anche per ospitare la facoltà di medicina e la relativa scuola di specializzazione, passando attraverso i finanziamenti della Banca europea degli investimenti, per realizzare una struttura che sia all’avanguardia e sostenibile, utilizzando una struttura prefabbricata in legno per ridurre grandemente i tempi di realizzazione.

Buona visione.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata.

Ti piace “ViViItalia Tv Trentino Alto Adige”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

Ti piace “ViViItalia Tv”? Sostienici!

YouTube

https://youtu.be/ls135ezyKXM?sub_confirmation=1

Telegram

https://t.me/ilnordest

https://t.me/ViviItaliaTv

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata