Giunta Fugatti: record di bocciature costituzionali

Al governo leghista dell’Autonomia speciale trentina un conto di 23.000 euro di spese giudiziarie, cui s’aggiungeranno i danni milionari in via di quantificazione degli operatori commerciali. 

0
174
giunta fugatti

Dopo quattro anni, la giunta Fugatti, il primo governo a trazione leghista dell’Autonomia speciale trentina, sfoggia un bilancio che pende decisamente verso il negativo, ad iniziare dai continui conflitti giudiziari sfociati in clamorose bocciature alla Corte costituzionale o presso la magistratura amministrativa.

Che sia il tentativo di imporre le chiusure domenicali e festive dei negozi nei centri commerciali o il requisito dei 10 anni di residenza in Provincia per accedere ai servizi pubblici o la partecipazione al capitale di una compagnia assicurativa, il risultato è sempre stato uguale: giunta Fugatti bocciata.

Ti piace “ViViItalia Tv Trentino Alto Adige”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

Una serie clamorosa di insuccessi che nemmeno uno studente in legge alle prime armi avrebbe conseguito, ma che Fugatti è riuscito a centrare, spesso con la giustificazione di forzare il governo nazionale a cambiare normative consolidate. Peccato solo che per “spingere” al cambiamento nella direzione voluta dalla giunta Fugatti si sia sbagliato clamorosamente il metodo, tanto che ora il costo delle “spinteleghiste sono costate ai contribuenti trentini qualcosa come 23.000 euro di spese legali. Che saranno solo le prime.

All’orizzonte della giunta Fugatti si stagliano gli indennizzi che la provincia di Trento dovrà versare agli esercenti commerciali costretti alla chiusura dei loro esercizi nei giorni di domenica e nei festivi: un conto che si preannuncia multimilionario, su cui la Corte dei conti deve impegnarsi a fondo per escutere personalmente i responsabili di una simile scellerata decisione figlia della peggiore mala politica, perché va bene la discrezionalità delle scelte politiche, ma questa non può assolutamente prescindere dal rispetto delle norme vigenti. E quando non lo si fa per un dichiarato obiettivo politico, si deve essere pronti a risponderne personalmente quando la spallata non è andata a buon fine.

In questa puntata di “ViViItalia Tv Trentino Alto Adige”, l’esperto in comunicazione e analisi politica, Gianfranco Merlin, e il direttore de “il NordEst Quotidiano”, Stefano Elena, intervistano Luca Zeni, consigliere provinciale Pd, avvocato ed ex assessore provinciale alla sanità.

Buona visione.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata.

Ti piace “ViViItalia Tv Trentino Alto Adige”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

Ti piace “ViViItalia Tv”? Sostienici!

YouTube

https://youtu.be/z-PChml6MII?sub_confirmation=1

Telegram

https://t.me/ilnordest

https://t.me/ViviItaliaTv

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata