La VDMA contro l’abrogazione dei motori termici al 2035

Cresce la contrarietà alla decisione della Commissione europea. Haeusgen: «non è il motore il problema, ma i combustibili fossili utilizzati fino ad oggi». L’Europa rischia di attivare un nuovo monopolio cinese nel settore delle batterie per auto.

0
769
vdma

A partire dal 2035, l’UE vuole mettere fuori legge il motore a combustione interna, consentendo solo l’immissione sul mercato europeo di nuovi veicoli elettrici a batteria o a celle a combustibile. Ma il problema non è la tecnologia dei motori a combustione, bensì i combustibili fossili. VDMA, la più grande associazione europea dell’industria meccanica, sottolinea che i piani della Commissione europea per l’eliminazione graduale dei motori a combustione interna sono quindi la strada sbagliata da percorrere.

La VDMA sostiene e chiede un futuro concreto per il motore a combustione interna. I piani della Commissione europea di consentire il mercato europeo solo a partire dal 2035 di veicoli elettrici a batteria e celle a combustibile rappresentano la strada sbagliata in termini di politica del clima e dell’innovazione.

«Invece di vietare il motore a combustione limitando a zero tutte le emissioni dallo scarico, dovrebbero essere utilizzate tutte le opzioni tecniche rispettose del clima. Il motore a combustione interna, alimentato da combustibili a zero CO2, i cosiddetti “eFuelsecologici, è un complemento necessario per accompagnare l’elettrificazione del trasporto su strada. Non è ilmotore il problema, ma i combustibili fossili utilizzati fino ad oggi», afferma il presidente della VDMA, Karl Haeusgen, valutando la proposta della Commissione Ue, attualmente in discussione nelle commissioni competenti del Parlamento europeo.

Il motore a combustione interna rimane anche economicamente significativo. Lo studio VDMADrive Systems in Transition III” ha calcolato una perdita netta di 160.000 posti di lavoro nella sola catena del valore del gruppo propulsore per lo scenario in cui non saranno più prodotti motori a combustione interna in Europa dopo il 2040. È probabile che questa cifra potrebbe essere di gran lunga superiore per il mercato del lavoro nel suo insieme e se il divieto fosse anticipato di cinque anni.

«È vero che verranno creati nuovi posti di lavoro nei processi a monte della catena di approvvigionamento, ad esempio nella lavorazione dei materiali per le celle delle batterie e nell’ambiente delle infrastrutture di ricarica – spiega Haeusgen -. Ma questo non sta accadendo contemporaneamente e neanche lontanamente allo stesso modo: i nuovi posti di lavoro non sono intercambiabili con quelli persi».

La VDMA vede anche a rischio la capacità industriale europea con una rapida eliminazione del motore a combustione interna imposta dalla legge. «L’Ue rinuncerebbe al suo ruolo di vertice tecnologico e industriale nel motore a combustione interna a favore di altri stati che aderiscono all’apertura tecnologica – sottolinea Hartmut Rauen, vicedirettore generale di VDMA -. Una maggiore diversità di tecnologie di azionamento a impatto climatico zero, d’altra parte, riduce la dipendenza dalle scarse importazioni di materie prime e aumenta la resilienza economica».

Inoltre, «la scalabilità delle applicazioni automobilistiche degli “eFuel” è necessaria per abilitare tecnologie rispettose del clima in altre applicazioni, come macchine edili, macchine agricole, veicoli dei servizi pubblici o nel settore dei trasporti – aggiunge Rauen -. Anche nella flotta già su strada, non sarà possibile senza “eFuels”. Sosteniamo quindi un’implementazione tecnologicamente aperta della regolamentazione della flotta che includa un meccanismo di accredito volontario per combustibili sostenibili e rinnovabili. Tale meccanismo è sul tavolo e potrebbe essere implementato rapidamente come parte del processo legislativoFit-for-55”».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata.

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata