Proel U24: un sistema microfonico senza fili di sicuro interesse

Disponibile solo come microfono a mano o anche con quello ad archetto da indossare, convince per l’effiDisponibile solo come microfono a mano o anche con quello ad archetto da indossare, convince per l’efficacia e le ridotte dimensioni del ricevitore, specie quando utilizzato con fotocamere o con cellulari. cacia e le ridotte dimensioni del ricevitore, specie quando utilizzato con fotocamere o con cellulari. 

0
270
proel u24
Il microfono palmare Proel U24H.

Proel U24 è un sistema microfonico senza fili che si compone di due apparati microfonici: uno, un classico microfono palmare leggero (solo 250 grammi comprensivo di due batterie AA inserite) e, l’altro, un microfono ad archetto da indossare dietro l’orecchio che supporta un lavalier connesso via filo ad un trasmettitore da portare alla cintura che funziona alimentato da due batterie AA. Completa il kit l’apparato ricevitore, forse la parte più interessante dell’insieme, decisamente compatto e pratico da utilizzare, specie dai vlogger che producono contenuti video utilizzando fotocamere e telefoni cellulari, magari poste su gimbal compatti, dove il peso è un fattore strategico: con solo 21 grammi di peso (compreso l’adattatore USB C o Lightning: di suo ha un connettore USB A) e dimensioni decisamente contenute, autoalimentato dal dispositivo cui è connesso, è il vero jolly della situazione.

Proel U24
Il compatto e leggero ricevitore di segnale del sistema Proel U24.

Inserite le batterie nel trasmettitore del microfono ad archetto e in quello palmare, il collegamento con il dispositivo diricezione è estremamente rapido e facile: basta premere il pulsante di collegamento sul trasmettitore del microfono ad archetto o il tasto mute di quello palmare (che funge anche da accensione e spegnimento del microfono palmare) per qualche secondo, attendere il lampeggio del dispositivo ricevente e in meno di cinque secondi l’accoppiamento tra trasmettitore e ricevitore è avvenuto.

Il microfono palmare Proel U24 H è decisamente comodo da utilizzare a mano libera per la sua leggerezza: anche durante interviste prolungate l’insieme braccio e mano non vanno mai in crisi come con altri prodotti decisamente più pesanti. Buona la resa sonora dell’insieme nel parlato, con una buona direzionalità (il microfono non capta il brusio di sottofondo tipico dei servizi effettuati in ambienti rumorosi). Solo nelle riprese all’esterno in presenza di vento, è opportuno dotarsi di una cuffia antivento aggiuntiva (non presente di serie nella confezione, che prevede solo una borsa in similpelle per la custodia degli apparati) per evitare fastidiosi disturbi nella cattura della voce. Interessante anche l’autonomia di funzionamento: il costruttore dichiara oltre 20 ore con due batterie alcaline. Durante il test, con due batterie ricaricabili da 2.000 mAh ha funzionato per una settimana intera, comprensive anche di molte pause, senza alcun segno di decadimento.

Proel U24
La ripresa di un video con il microfono palmare Proel U24H e il ricevitore inserito in un telefono cellulare montato su un gimbal.

Sarebbe utile che il sistema Proel U24 H venisse affiancato da una app per regolare in modo autonomo il livello di registrazione per dare più potenza al segnale proveniente dal microfono palmare, mentre sul trasmettitore di del sistema Proel U24 B ad archetto è presente un potenziometro di regolazione azionabile tramite un utensile apposito – una specie di minicacciavite – inserito nel coperchio del vano batterie. Utilizzando app o software per pc di registrazione professionaledove si può regolare manualmente il livello d’ingresso del segnale, tutto è decisamente più semplice dopo un breve pre test di intervista per regolare i livelli.

Proel U24
Il sistema Proel U24B con microfono ad archetto da indossare, trasmettitore da cintura e apparato ricevitore.

Oltre ad essere ottimale nelle interviste, Proel U24 H e Proel U24 B sono particolarmente versatili anche nelle applicazioni di rinforzo voce in ambito conferenze, grazie all’assenza di fili e alla possibilità di connettere il ricevitore a una porta USB Adel sistema di amplificazione.

Al termine della prova sul campo, Proel U24 H e Proel U24 B escono promossi a pieni voti, specie per l’ottimale rapporto prezzo-qualità di un prodotto sviluppato dall’azienda teramana specializzata nei dispositivi per lo spettacolo e la musica – assemblato in Cina -, decisamente conveniente: il costo del sistema Proel U24 H è di 129 euro; quello del Proel U24 B e di 149 euro.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata