Europa 2035: motori termici fuori legge?

Eccesso di talebanismo ambientalista dall’Unione europea contro i motori termici. Bonometti: «necessario fare un’operazione verità sul reale impatto ambientale della mobilità». 

0
435
europa 2035

Il piano per l’Europa 2035 del “Fit for 55” lanciato nel 2021 dalla Commissione europea per ridurre le emissioni inquinanti fino ad azzerarle in ambito della mobilità vorrebbe mettere al bando la vendita, a partire dal 2035, di veicoli nuovi alimentati da motori a combustione interna, favorendo di fatto la soluzione elettrica (o ad idrogeno) come unica forma di mobilità.

Ti piace “Focus”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

Una scelta che, secondo alcune fonti, sarebbe stata determinata dalla forte volontà dei produttori cinesi di entrare sul mercato europeo con i loro prodotti, privi delle competenze tecnologiche per competere adeguatamente sui motori termici, mentre sono avanti in quella dell’elettrico, complice anche la decisione del governo cinese di investire in anticipo sulla gestione quasi monopolistica dei materiali necessari per la produzione delle batterie e dei motori elettrici.

Il combinato disposto del forte lobbismo cinese unitamente all’incapacità della quasi totalità della politica europea di conoscere e valutare le tecnologie e le loro ricadute sociali, economiche ed ambientali, ha fatto sì che l’Europa abbia abbracciato la via dell’elettrificazione spinta della mobilità personale.

Una scelta che si sta dimostrando un pericoloso boomerang per l’Europa 2035, cui pure la politica pare essersi accorta dell’errore clamoroso fatto, tanto che nelle scorse settimane la Commissione trasporti dell’Europarlamento ha fatto una sostanziale marcia indietro abolendo il bando assoluto ai motori termici, aprendo all’utilizzo di nuovi carburanti a basso tenore di carbonio che abbattono grandemente le emissioni, forse ottenendo livelli di impatto ambientale pure migliori della scelta dell’elettrificazione spinta, che si limita solo a spostare la produzione dell’inquinamento, forse perfino aumentandolo.

In questa puntata di “Focus” di “ViViItalia Tv”, l’esperto in comunicazione e analisi politica, Gianfranco Merlin, e il direttore de “il NordEst Quotidiano”, Stefano Elena, intervistano l’ing. Marco Bonometti, presidente ed amministratore delegato delle Officine Meccaniche Rezzatesi Spa e già presidente di Confindustria Lombardia.

Buona visione.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Ti piace “Focus”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

Ti piace “ViViItalia Tv”? Sostienici!

YouTube

https://youtu.be/fesp6nZWBOg?sub_confirmation=1

Telegram

https://t.me/ilnordest

https://t.me/ViviItaliaTv

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata