Flat tax dà un gettito di 2,3 miliardi per un prelievo medio di 1.556 euro a Partita Iva

La tassa piatta al 15% ha attirato 1,7 milioni di contribuenti nel 2021. 

0
256
flat tax

Continua il successo della “flat tax”, la tassa piatta al 15% e gestione semplificata degli adempimenti tributari per i contribuenti fino a 65.000 euro di fatturato all’anno: secondo i dati diffusi dal ministero delle Finanze, nel 2021 (anno d’imposta 2020) il regime fiscale agevolato ha attirato 1,7 milioni di contribuenti, che nel 2022 potrebbero avere tagliato la soglia dei 2 milioni, assicurando all’erario un gettito di 2,3 miliardi di euro su una massa di redditoimponibile di circa 18,9 miliardi di euro, pari ad un versamento medio di 1.556 euro a contribuente per una media di reddito dichiarato di 12.961 euro, in calo rispetto ai 13.895 euro medi del 2019.

Il successo della “flat tax” sta, oltre che nella ridotta aliquota, nella fortissima semplificazione degli adempimenti tributari, cosa che riduce anche i costi e le complicazioni a carico dei contribuenti. Un successo che potrebbe crescere ulteriormente se la soglia di 65.000 euro potesse crescere fino ai 100.000 euro, magari a fronte di un leggero aumento del prelievo dal 15% al 20% per il reddito aggiuntivo, anche per evitare di cadere nel baratro della tassazione ordinaria al superamento della soglia dei 65.000 euro, passando dal 15 al 43%: peccato che gran parte della politica faccia fatica a capire che da una maggiore semplificazione e da una riduzione della pressione fiscale ci guadagnano tutti, Stato compreso, che così riduce massicciamente le tentazioni di evadere.

Dei contribuenti con Partita Iva (circa 3,7 milioni in tutto) circa la metà si trova nei regimi fiscali agevolati della “flat tax” e dei “minimi”, con il 70% di questi contribuenti che si concentra in quattro settori: attività professionale, scientifica e tecnica (35%), commercio all’ingrosso e dettaglio (14,6%), sanità e assistenza sociale (11,9%) e altre attività di servizi (8%).

Ad infoltire le fila dei contribuenti a tassa piatta ci sono 55.000 contribuenti che nel 2019 erano nel regime di tassazione ordinaria, mentre oltre 45.000 arrivano dal regime dei minimi a causa dell’esaurimento del periodo massimo di permanenza di 5 anni al 5% di tassazione.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata