Bianco & Nero: elezioni 2022, terremoto nella politica italiana

Crollo di Lega Salvini premier e Forza Italia, decisa crescita di Fratelli d’Italia. Eutanasia di M5s. Stabile il Pd. Appello ai leader di partito a superare il concetto di “uno vale uno”, presentando nelle liste candidati realmente autorevoli, espressione del mondo delle professioni e dell’impresa. 

0
451
elezioni politiche

Con lo scioglimento del Parlamento e l’indizione delle elezioni politiche per il 25 settembre 2022, i partiti sono già in fibrillazione per l’allestimento dei programmi politici e delle liste che dovranno essere presentate a cavallo di Ferragosto, con molti problemi a trovare candidati presentabili e capaci, superando la pessima prova del concetto del “uno vale uno”: questa puntata de “Bianco & Nero” di “ViViItalia Tv”, condotta dall’esperto in comunicazione e analisi politica, Gianfranco Merlin, e dal direttore de “il NordEst Quotidiano”, Stefano Elena, si occupa di scenari politici.

Ti piace “Focus”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

Scenari che saranno molto positivi per Fratelli d’Italia, all’insegna del consolidamento per il Pd e autentico terremoto per Lega Salvini premier e Forza Italia, con la sostanziale eutanasia del M5s.

Il Sole 24Ore fa una serie di previsioni sull’assetto rappresentativo che scaturisce dalla riforma istituzionale che ha tagliato un terzo circa di senatori e di deputati, ridisegnando i vari collegi, basandosi sulla supermedia degli ultimi sondaggi sulle intenzioni di voto degli italiani.

Gli unici ad uscire vittoriosi sono Fratelli d’Italia che dagli attuali 50 parlamentari, passano ad almeno 134 con la possibilità di crescere fino a 162, mentre per il Pd si assiste ad un consolidamento, visto che ha già subito la diaspora dei 40 parlamentari confluiti con Renzi in Italia Viva (passa dai 165 ante scissione renziana ad una forchetta variabile tra 112 e 155 parlamentari).

Si assiste ad un autentico terremoto in casa di Lega Salvini premier: dai 183 parlamentari dell’elezione del 2018, il Capitano porterebbe a casa un risultato variabile tra 100 e 122 parlamentari, cosa che ha fatto sorgere molte critiche alla linea politica tenuta da Salvini negli ultimi mesi che ha allontanato gli elettori dalla Lega. Male anche gli Azzurri: passano dai 161 del 2018 ad una forchetta varabile tra 31 e 78 parlamentari. Eutanasia del M5s, ancora calcolato senza la scissione dei futuristi di Di Maio: dai 338 dell’exploit del 2018 passerebbe ad una forchetta compresa tra 50 e 90 parlamentari.

Insomma, dopo il 25 settembre si assisterà ad un vero e proprio terremoto del panorama politico. Ora, l’auspicio è che i partiti e le varie segreterie cerchino di resistere alla tentazione di mettere in lista solo schiacciabottoni scelti solo con il criterio della fedeltà e della capacità di flettersi a 120°. Sarebbe utile, per evitare lo sfracello accaduto nella legislatura appena chiusa, che in Parlamento ci fosse anche un’adeguata rappresentanza di personalità di spicco, che possiedano conoscenza delle lingue – ad iniziare da quella italiana -, della geografia e dell’economia come criteri basilari, magari integrate da esperienze fattive nei vari campi del lavoro, dell’impresa e delle professioni.

Si vedrà. Intanto buona visione de “Bianco & Nero”.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Ti piace “Focus”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

Ti piace “ViViItalia Tv”? Sostienici!

YouTube

https://youtu.be/0AQmDit0JU8?sub_confirmation=1

Telegram

https://t.me/ilnordest

https://t.me/ViviItaliaTv

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata