Ferrovia del Brennero: via ai cantieri per la realizzazione della circonvallazione di Trento

Ascoltate parzialmente le indicazioni del territorio. Ancora in alto mare quelle di Rovereto e di Bolzano. 

0
259
ferrovia del brennero

Sotto la spinta del Pnrr, stano per partire i cantieri per la realizzazione della circonvallazione in galleria di Trentodella ferrovia del Brennero che prevede il quadruplicamento della linea.

Concluso l’iter amministrativo, iniziato ad ottobre 2021, il progetto per la circonvallazione ferroviaria di Trentopassa alla fase realizzativa, con l’emanazione dell’ordinanza che costituisce il quadro di riferimento per la pubblicazione degli atti di gara che sarà gestita dal commissario straordinario di Governo per il potenziamentodella linea Fortezza-Verona, Paola Firmi (Rete Ferroviaria Iraliana).

«Nei prossimi giorni formerò l’ordinanza che costituisce il quadro di riferimento a cui dovrà attenersi la stazione appaltante per bandire gara di appalto – sottolinea Firmi -. Contiamo di rispettare così il programma temporale, con la consegna delle prestazioni entro l’anno, come previsto dalla normativa di riferimento». Nell’ambito dell’iter autorizzativo, assieme al documento congiunto del Ministero della transizione ecologica e del Ministero della cultura sulla compatibilità ambientale del progetto, sono stati acquisite anche le prescrizioni degli enti coinvolti.

Tra queste, si prevede il prolungamento della galleria artificiale di imbocco Nord di circa 160 metri, il mantenimento per 20 mesi dall’avvio dei lavori dell’attuale capolinea della ferrovia locale Trento-Malè, le indagini ambientali integrative e il cantiere pilota per l’attraversamento delle aree inquinate da piombo tetraetilefortemente inquinante per inalazione, il contenimento delle occupazioni temporanee e gli apprestamenti per la prosecuzione del quadruplicamento della linea del Brennero verso Nord. Rivisto al rialzo il costo dell’opera, inizialmente previsto in 930 milioni, portato a 1,3 miliardi di euro.

Per il ministro dell’Economia, Daniele Franco, «si tratta di un cantiere strategico nell’ambito del piano infrastrutturale del Pnrr che serve per collegare meglio l’Italia all’Europa».

Rimane comunque la ferita che la nuova galleria causerà al quartiere di San Martino a ridosso del centro storicoche ospiterà lo sbocco Nord, che comporterà la demolizione di numerosi edifici, su cui si è già raggiunto l’accordo con i proprietari per l’esproprio, quando avrebbe potuto essere prolungata verso Nord direttamente in galleria anche per evitare i terreni pesantemente inquinanti dalla Sloi e dalla Carbochimica.

Se a Trento i cantieri stanno per partire, ancora tutto in alto mare per Rovereto e per Bolzano, con il rischio che l’approvazione dei progetti arrivi fuori tempo massimo del Pnrr con i conseguenti problemi per il loro finanziamento.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata