Ursula Von der Leyen: «se l’Italia sbaglia, Bruxelles raddrizzerà la politica di Roma»

Pesante intromissione della Commissione europea nelle elezioni politiche italiane.

0
263
elezioni politiche

Ursula von der Leyen l’ha fatta fuori dal vaso, incapace di contenere la lingua che, in un sussulto di soccorso alla causa del centro sinistra dopo la visita di Enrico Letta a Berlino, in un discorso all’università americana di Princeton ha affermato che «vedremo il risultato del voto in Italia. Se le cose andranno in una direzione difficile, come nel caso di Polonia e Ungheria, abbiamo gli strumenti per gestire la situazione». Bum!

Si è trattato di un’intromissione bell’e buona del massimo vertice della Commissione europea nelle cose politiche di uno stato membro, per di più alla fine di una campagna elettorale dove la sinistra ha giocato allo sfascio, al rischio del debito pubblico fuori controllo, al ritorno del fascismo, all’indegnità di governare la Repubblica democratica e parlamentare per qualunque maggioranza che non sia quella di centro sinistra.

Ti piace “Bianco & Nero”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

Ursula von der Leyen ancora una volta ha perso l’occasione di starsene zitta e ferma, perché ogni volta che agisce fa danni a raffica a tutta l’Unione europea, oggi, e alla Germania, prima, dove da ministro della Difesa ha lasciato un esercito allo sfascio, dove i panzer sono incapaci pure di sparare un proiettile, con i militari male addestrati, equipaggiati e peggio motivati.

Dalla tolda di comando di Bruxelles, questa politica sempre paracadutata, nelle maniche del potente di turno – era la figlioccia politica di Angela Merkel che l’ha voluta alla guida dell’Unione europeacontinua a fare danni: dalla distruzione d’intere filiere manifatturiere europee con il fantasmagorico piano di riduzione delle emissioni climalteranti “Fit for 55” che consegna il mercato europeo dell’auto in mano ai cinesi, al piano alimentareFarm to fork” che riduce drasticamente la produzione agricola interna a vantaggio delle importazioni dall’estero, o anche il pianoRePowerUe” che punta alla diffusione ovunque dei pannelli fotovoltaici quasi tutti di produzione cinese. O, ancora, della scarsa lungimiranza nella differenziazione degli approvvigionamenti energetici o nello scialo degli acquisti di vaccini Covid in larghissimo sovrannumero rispetto alla popolazione continentale.

Ursula Von der Layen non è l’unica donna di potere (e di sinistra) nelle organizzazioni comunitarie a fare a ripetizione buchi nell’acqua: è in buona compagnia con la presidente della Banca Centrale Europea, Christine Lagarde, che ha clamorosamente sbagliato le previsioni sull’inflazione evitando di intervenire quando sarebbe stato possibile farlo con danni bassi o nulli sull’economia continentale, che oggi, dopo avere ammesso gli errori e chiesto scusa, eroga all’economia una cura da cavallo per contenere l’inflazione ormai a doppia cifra, con pesanti ripercussioni sulla recessione o, peggio, sulla stagflazione che già si prospetta per molti stati dell’Unione.

Insomma, la politica avrebbe bisogno di personalità capaci e meno improvvisate, a Roma come a Bruxelles o a Francoforte, a prescindere dai loro attributi, dove purtroppo tanti governi si sono lasciati andare alle quote rosa anche se queste non avevano assolutamente le caratteristiche per ricoprire il ruolo.

Serve un drastico cambio di passo nella politica a tutti i livelli. Si vedrà se nelle prossime ore qualcosa in Italia cambierà, anche se è difficile che si assista a quel cambio necessario complice una legge elettorale che ha consegnato alle segreterie di partito il diritto di elezione dei cittadini alle cariche parlamentari, con il risultato che alla capacità e preparazione dei candidati si è preferito il criterio della fedeltà assoluta e acritica, della capacità di portare voti con qualsiasi mezzuccio o, ancora, ma peggio, nella capacità di usare le arti muliebri per ottenere un posto in lista.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Ti piace “Bianco & Nero”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

Ti piace “ViViItalia Tv”? Sostienici!

YouTube

https://youtu.be/1fwlyMyBSp4?sub_confirmation=1

Telegram

https://t.me/ilnordest

https://t.me/ViviItaliaTv

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata