I birrifici artigianali entrano in crisi causa caro energia

Il Consorzio Birra Italiana lancia l'allarme alla vigilia del prossimo maxi-rincaro delle bollette di luce e gas. Alla crisi energetica si aggiunge il calo del raccolto dell’orzo per il malto. 

0
1174
birrifici artigianali

I birrifici artigianali sono a rischio proseguimento attività. L’allarme è stato lanciato dal Consorzio Birra Italianadopo il crollo del 34% del raccolto 2022 dell’orzo per il malto, rispetto all’ultimo anno prima della pandemia: un crollo causato da siccità ed eventi meteo estremi.

Tutto ciò mette in pericolo una delle filiere più importanti per la produzione alimentare italiana, andata in crisi a causa dei costi dell’energia aumentati del 180% a causa della guerra in Ucraina.

«In questo scenario nel quale gli effetti dei cambiamenti climatici si uniscono a quelli provocati dalla guerra su energia e materie prime è necessario sostenere i produttori di birra artigianale italiana – sottolinea il Consorzio in una nota -. Il sostegno va dato con la stabilizzazione del taglio delle accise per non mettere a rischio un’intera filiera di alta qualità con effetti su produzione, posti di lavoro e sui consumi».

La filiera dei birrifici artigianali in Italia conta 1.085 attività produttive in tutto il territorio nazionale: dal campo alla tavola, danno lavoro a circa 93.000 addetti, per una bevanda i cui consumi sono destinati quest’anno a superare il record storico di oltre 35 litri pro capite per un totale di 2 miliardi di litri. Tutto questo, spiega il Consorzio Birra Italiana, genera un volume di fatturato che vale 9,5 miliardi di Euro.

A fare da traino, dicono gli esperti, sono le birre artigianali realizzate con l’utilizzo di ingredienti particolari,senza pastorizzazione e microfiltrazione per esaltare la naturalità di un prodotto apprezzato da tutte le fasce di età, con i giovani che sempre più cercano la degustazione di qualità più che di quantità. I consumi nazionali sono in maggioranza: due boccali su tre sono riempiti con produzioni italiane.

La scelta della birra come bevanda, proseguono gli esperti, è diventata negli anni sempre più raffinata con specialità altamente distintive e varietà particolari: dalla birra aromatizzata alla canapa a quella ligure affumicata con le castagne, dalla birra senza glutine al riso Carnaroli del Piemonte a quella con la zucca, dalla birra con le arance di Sicilia a quella con le scorze di bergamotto, da quella alla ciliegia a quella con il miele di erica alla birra. E non manca neppure la birra prodotta con il pane e il grano saraceno.

Sempre più spesso, si tratta di produzioni realizzate da giovani con profonde innovazioni come la certificazione d’origine a chilometro zero, il legame diretto con le aziende agricole, la produzione di specialità altamente distintive o forme distributive innovative come i “brewpub”.

Il settore dei birrifici artigianali talmente in espansione che si stanno creando anche nuove figure professionali come il “degustatore professionale”: conosce i fondamentali storici dei vari stili di birre ed è capace di interpretarne i caratteri principali di stile, gusto, composizione, colore, corpo, sentori a naso e palato individuando gli eventuali difetti, oltre a suggerire gli abbinamenti ideali a tavola.

Oggi, per ogni addetto coinvolto all’interno di un birrificio, si generano altri 29 occupati nell’indotto: da chi coltiva i prodotti agricoli che servono alla bevanda, alla produzione delle bottiglie, dalle etichette ai tappi, dalla logistica alla comunicazione.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata