L’iniquità delle tasse: sul 12,98% dei contribuenti grava il 51,08% del gettito

Tutti spingono per ulteriori tagli e riduzioni per i redditi fino a 35.000 euro, ma dimenticando chi sopporta il carico fiscale maggiore. 

0
293
iniquità delle tasse

In Italia esiste un’iniquità quasi sempre sottovalutata e sottaciuta: l’iniquità delle tasse per cui sul 12,98% dei contribuenticolpevoli” di guadagnare più di 35.000 euro lordi all’anno grava il 51,08% dell’intero carico fiscale Irpef di oltre 278 miliardi, cittadini che quasi sempre non fruiscono di alcuna esenzione o bonus, con il risultato che oltre a pagare gran parte dei servizi pubblici, quando essi ne debbono fruire devono ripagarli un’altra volta.

Si tratta di una situazione che sindacalisti e politici fanno finta di non vedere, visto che in Italia la gara è sempre verso l’appiattimento e al ribasso, dove il merito, la responsabilità e il guadagno sono altrettante bestemmie. Così come è un peccato l’evasione fiscale, ma alla fine si finisce per capirla e anche giustificarla.

Ti piace “Lo Schiacciasassi”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

Ti piace “ViViItalia Tv”? Sostienici!

Secondo l’indagine condotta da Itinerari previdenziali in collaborazione con la Cida, la soglia dei 35.000 euro di guadagno lordo – pari a circa 2.500 euro netti al mese: tutt’altro che guadagni da nababbo – costituisce anche il margine del baratro dell’iniquità delle tasse, dove da lì in su scatta l’escalation del prelievo fiscale sui denari faticosamente guadagnati. Sotto la soglia stanno circa il 79% degli italiani che guadagnano fino a 29.000 euro cui corrisponde solo il 27,57% dell’intera Irpef versata. Sono solo 5 milioni gli italiani che guadagnano più di 35.000 euro, tant’è che il 13% dei contribuenti versa il 60% dell’intero gettito fiscale sui redditi.

Sono mosche bianche coloro che guadagnano più di 100.000 euro, 1,1%, il che fa presumere che in Italia ci sia la gara trasversale ad evadere largamente il carico fiscale legittimamente spettante. Parimenti, è difficile credere che oltre il 40% degli abitanti del Belpaese sia così scannato da dichiarare redditi lordi inferiori ai 1.000 euro al mese.

La questione fiscale è un tema da affrontare il più presto possibile, sia per dare respiro a chi le tasse le paga, e tanto, sia per semplificare il sistema, tagliando anche la selva di deduzioni ed esenzioni, finendo per tagliare l’iniquità delle tasse e per pagare di meno tutti, ma tutti un po’ di più, anche nelle fasce di reddito più basse proporzionalmente alla loro capacità, almeno un uno-due per cento rispetto all’odierno 0,12%, mettendo un tetto massimo all’esproprio fiscale attorno al 30%. In questo modo, probabilmente, tante attuali evasioni avrebbero meno incentivi a nascondersi, a vantaggio del gettito tributario complessivo.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Ti piace “Lo Schiacciasassi”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

Ti piace “ViViItalia Tv”? Sostienici!

YouTube

https://youtu.be/8AUVft1vPzA?sub_confirmation=1

Telegram

https://t.me/ilnordest

https://t.me/ViviItaliaTv

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

https://www.facebook.com/viviitaliatvwebtv

© Riproduzione Riservata