Il noleggio a lungo termine cresce del 15,8% nel 2022

Arretrano diesel – ma rimangono sempre la scelta leader delle flotte - ed elettriche, aumentano benzina e ibride.

0
517
noleggio a lungo termine incentivi auto

Il noleggio a lungo termine di auto è cresciuto del 15,8% nel 2022, con un totale di 617.776 contratti registrati nell’arco dei 12 mesi contro 533.535 del 2021. L’85,2% è sempre appannaggiodelle società, titolari di 526.606 contratti (+16,3% sul 2021), e la restante quota del 14,8% a favoredei privati, che crescono del 12,8% sull’anno precedente.

L’analisi realizzata dall’Unrae (in collaborazione con il ministero delle Infrastrutture e trasporti) indica in dettaglio la distribuzione dei contratti fra le varie categorie di utilizzatori del noleggio a lungo termine, non confrontabili con le immatricolazioni dello stesso periodo.

Fra tutte prevale sempre la categoria delle “Aziende non automotive” con il 67,9% del totale, cresciuta in termini numerici ma con una riduzione della quota rispetto al 70,9% del 2021. Il diesel continua, giustamente, ancora a essere l’alimentazione preferita fra quasi tutti gli utilizzatori del noleggio a lungo termine, anche se l’andamento generale è in costante calo a vantaggio soprattutto delle ibride e dei tradizionali motori a benzina, che finiscono con l’aumentare il quantitativo delle emissioni climalteranti che la politica parolaia vorrebbe ridurre fino ad azzerarle.

A utilizzare la propulsione diesel più di tutti sono sempre le aziende non automotive (dove questa alimentazione raggiunge il 63,9% di quota), mentre nei motori a benzina prevalgono le società di noleggio a breve (39,5% di quota), anche per via dei minori costi di acquisto e gestione.

Le vetture elettriche arretrano in quasi tutti canali, in particolare fra i privati da 5,6% a 3,9%, fra le aziende non automotive da 2,8% a 2,1%, e fra venditori e costruttori da 24,6% a 16,2%

La regione dove si fa il maggiore ricorso al noleggio a lungo termine sul totale Italia è la Lombardia(31,2% dei contratti), seguita da Lazio (13,9%) e Piemonte (13,3%). Il Trentino Alto Adige, dove si concentrano le sedi legali dei principali noleggiatori, per il fenomeno del rent to rent mantieneinvece il primato dei contratti di noleggio a lungo termine in capo alle società di noleggio a breve termine (55%), il Piemonte quello dei contratti verso le società a lungo termine (39,8%).

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata