HVOlution: Eni presenta la mobilità sostenibile con il gasolio ecologico

Il biocarburante 100% da materie prime rinnovabili è già disponibile in 50 Eni in Italia, entro fine marzo cresceranno a 150. 

0
3364
gasolio Hvolution
Il rifornimento di gasolio Hvolution capace di abbattere del 90% le emissioni, seria e concreta alternativa sostenibile all'elettrificazione spinta.

Si chiama HVOlution, il primo diesel di Eni Sustainable Mobility prodotto con 100% di materie prime rinnovabili (ai sensi della Direttiva (UE) 2018/2001 “REDII”), è in vendita in 50 stazioni di servizio Eni e sarà disponibile a breve, entro marzo 2023, in 150 punti vendita in Italia (individuabili sul sito www.enistation,com). 

HVOlution è un biocarburante che viene prodotto da materie prime di scarto e residui vegetali, e da oliigenerati da colture non in competizione con la filiera alimentare e può contribuire all’immediata decarbonizzazione del settore dei trasporti anche pesanti, tenuto conto delle emissioni allo scarico, perché utilizzabile con le attuali infrastrutture e in tutte le motorizzazioni omologate (a standard EN 15940 XTL: controllare sul libretto di manutenzione), praticamente tutti i Diesel a standard Euro 5 e Euro 6, di cui mantieneinvariate le prestazioni.

Eni è in grado di offrire ai propri clienti questo innovativo biocarburante grazie all’investimento realizzato sin dal 2014 con la trasformazione delle raffinerie di Venezia e Gela in bioraffinerie, che dalla fine del 2022 sono “palm oil free”. La tecnologia proprietaria Ecofining consente, infatti, di trattare materie prime vegetali di scarto e olii non edibili per produrre biocarburante HVO (Hydrotreated Vegetable Oil, olio vegetale idrogenato) di cui Eni Sustainable Mobility è il secondo produttore in Europa.

HVOlution è un biocarburante composto al 100% da HVO puro. Prima della commercializzazione nelle stazioni di servizio Eni, l’HVO in purezza è stato utilizzato da diversi clienti, i quali hanno movimentato dai mezzi per la movimentazione dei passeggeri a ridotta mobilità in ambito aeroportuale fino ai veicoli commerciali della logistica; inoltre, addizionato al gasolio, dal 2016 il biocarburante HVO è presente al 15% nel prodottoEni Diesel+, disponibile in oltre 3.500 stazioni di servizio in Italia. Questo carburante riesce ad abbattere fino al 90% le emissioni rispetto ad un prodotto fossile.

«Il biocarburante puro HVOlution ha un ruolo fondamentale perché già da oggi può dare un contributoimportante alla decarbonizzazione della mobilità, anche del trasporto pesante – ha detto Stefano Ballista,amministratore delegato di Eni Sustainable Mobility -. Questo prodotto arricchisce l’offerta nelle stazioni di servizio, affiancandosi all’attuale proposta di prodotti a basso tenore di carbonio, come le ricariche elettriche, e di servizi per le persone in mobilità: obiettivo di Eni Sustainable Mobility è integrare gli asset industriali e commerciali lungo tutta la catena del valore, dalla disponibilità della materia prima fino alla vendita di prodotti decarbonizzati al cliente finale».

Eni ha siglato accordi e alleanze varie che permettono di valorizzare gli scarti e i rifiuti utilizzandoli come basiper la produzione di biocarburanti come HVOlution. In diversi paesi dell’Africa, tra i quali Kenya, Mozambico e Congo, Eni sta sviluppando una rete di agri-hub in cui verranno prodotti olii vegetali in grado di crescere in terreni marginali e aree degradate e non in competizione con la filiera alimentare e, al tempo stesso, di creareopportunità di lavoro sul territorio. Recentemente, dal Kenya è arrivato nella bioraffineria di Gela il primo caricodi olio vegetale prodotto nell’agri-hub di Makueni, mentre a Venezia è arrivato il primo carico di olii di fritturaesausti. L’obiettivo è di coprire il 35% dell’approvvigionamento delle bioraffinerie Eni entro il 2025.

L’esempio di Eni dovrebbe essere fatto proprio e valorizzato dal governo Meloni: invece di correre dietro a un‘elettrificazione decisamente futuristica e probabilmente ambientalmente controproducente, sarebbe strategicamente importante investire in questo settore per assicurare il mantenimento della filiera automotivelegata al Diesel, oltre a consentire da subito la riduzione delle emissioni dei circa 10 milioni di veicoli già in circolazione. E per agevolarne la diffusione, sarebbe opportuno applicare una tariffa al consumo agevolata.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata