Biocarburanti: Italia all’avanguardia, ma la produzione è limitata

Eni punta a produrre 6 milioni tonnellate/anno, ma i consumi relativi alla sola autotrazione sono di 35 milioni. Serve aumentare la disponibilità di prodotto.

0
4176
biocarburanti Carburanti rinnovabili Biocarburanti

L’Eni conta di produrre 6 milioni di tonnellate all’anno di biocarburanti entro dieci anni, ma in Italia si consumano ogni anno 7 milioni di tonnellate di benzina per le auto23 milioni di tonnellate di gasolio per i motori diesel e 4,5 milioni di tonnellate per il cherosene dei jet. Sta tutta in questi numeri la difficoltà di usare i biocarburanti per “salvare” il comparto italiano ed europeo dei motori endotermici e il parco auto a benzina e diesel attuale e futuro.

Esponenti del governo e del mondo industriale italiano sostengono che i biocombustibili potrebbero permettere di tagliare le emissioni di gaserra di auto e camion, mantenendo l’attuale parco di veicoli a benzina e diesel. I biocarburanti servirebbero ad accompagnare la transizione verso l’auto elettrica, che tutti ritengono ormai inevitabile: i veicoli a combustione interna potrebbero continuare a circolare senza emissioni nette di CO2, dando più tempo alle aziende per riconvertirsi all’elettrico e ai consumatori per sostituire le vecchie auto, anche in considerazione che questo tipo di carburanti possono essere utilizzati su tutti i veicoli più recenti a standardEuro 5 e Euro 6, mentre per quelli più vecchi sarebbe necessario intervenire su alcune parti in plastica e gomma del sistema di alimentazione perché potrebbero essere soggetti a degrado. Oltre al vantaggio di utilizzarel’attuale catena di distribuzione dei carburanti senza alcuna modifica.

L’Italia è all’avanguardia nella ricerca e nella produzione di biocarburanti, grazie alla ricerca e agli investimentidell’Eni. La raffineria di Porto Marghera è stata riconvertita al bio nel 2014, quella di Gela nel 2019. Gli impianti trasformano in carburante verde di alta qualità, l’Hvo (Hydrotreated Vegetable Oil) gli olii vegetali usati e di frittura, i grassi animali, gli olii estratti da colture dedicate e non in competizione con la produzione agricola.

Nella raffineria di Livorno, Eni produce biocarburante per gli aerei, il Saf (Sustainable Aviation Fuel). Al momento viene miscelato al 20% col combustibile fossile, per ridurre la sua impronta carbonica.

Eni punta a produrre 2 milioni di tonnellate di biocarburanti all’anno nel 2025, e ad arrivare a 6 milioni all’annoin un decennio. Per fare questo, il gruppo sta investendo in vari paesi africani, per creare grandi piantagioni di colture oleaginose, in particolare il ricino, che richiedono poca acqua e che non sono in competizione con le colture alimentari. Un agrihub è stato inaugurato l’anno scorso in Kenya, un secondo seguirà nello stesso paese, un terzo aprirà quest’anno in Congo.

Il business è estremamente promettente per il settore dell’aviazione, dove l’elettrificazione è impossibile, e l’unico sistema per decarbonizzare i jet sono i biocarburanti. L’Italia consuma circa 4,5 milioni di tonnellateall’anno di cherosene avio. I 6 milioni di tonnellate all’anno che Eni intende produrre entro dieci anni avrebbero quindi un mercato naturale.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata