Ucraina, Meloni “Linea italiana chiara, assenze Lega non mi preoccupano”

0
214

BRUXELLES (BELGIO) (ITALPRESS) – Le assenze della Lega durante il dibattito del 22 marzo alla Camera “francamente non mi preoccupano. Non c’è, nell’attuale contesto, misura più efficace di garantire un equilibrio tra le forze in campo, è l’unico modo per costringere a una negoziazione, che deve essere però giusta. Non sono preoccupata perchè guardo ai fatti, e la linea dell’Italia su questo è molto chiara, non ho mai avuto problemi”. Lo ha detto il premier Giorgia Meloni, arrivando al Consiglio Europeo.
Sulla governance economica “penso che l’Unione Europea debba imparare dai suoi errori del passato e dalla realtà che stiamo affrontando – ha spiegato il presidente del Consiglio -. Sono richiesti grandi investimenti per la transizione energetica e altro, non si può pensare che non vengano tenuti in considerazione nella governance economica. Per noi sarebbe tragico tornare ai parametri precedenti, serve più attenzione alla crescita”.
Dalla riunione del Consiglio Ue “mi aspetto passi concreti sulla base delle conclusioni dello scorso febbraio – ha sottolineato il premier -, posso dire che sono soddisfatta dall’ultima versione della bozza di conclusioni che sta girando, che chiede alla Commissione di procedere spedita e rimanda la verifica al prossimo Consiglio Europeo”. “Possiamo confermare il fatto che il tema dell’immigrazione è un tema considerato oggi centrale, qualcosa che era impensabile fino a qualche mese fa, e che viene seguito passo passo dal Consiglio, questa è un’ottima notizia”, ha proseguito.
Spazio anche al tema delle auto green: “La tesi che noi continuiamo a sostenere e che ribadiremo è che, fermi restando gli obiettivi della transizione che condividiamo, noi non riteniamo che l’Unione debba occuparsi anche di stabilire quali siano le tecnologie con le quali arrivare a quegli obiettivi – ha detto Meloni -. Ci sono delle tecnologie sulle quali l’Italia, e dunque anche l’Europa, sono potenzialmente un’avanguardia. Rispetto a un’ipotesi di questo tipo decidere di legarsi a tecnologie che invece sono di fatto detenute come avanguardia da nazioni esterne all’Unione secondo me è una scelta che non favorisce la competitività del nostro sistema. Mi pare una tesi assolutamente di buonsenso quindi confidiamo che possa passare, anche per quello che riguarda i biocarburanti”.

– foto Agenziafotogramma.it –

(ITALPRESS).