Cassa Centrale Raiffeisen, nel 2019 risultati record

L’istituto del credito cooperativo dell’Alto Adige chiude con un utile lordo di 39,82 milioni di euro e netto di 29,3. Depositi a quota 1.614 milioni di euro. Hanspeter Felder nominato nuovo presidente.

0
444
Cassa Centrale Raiffeisen
La sede centrale di Bolzano di Cassa Centrale Raiffeisen.

Il credito cooperativo italiano ha tre holding: oltre alla storica Iccrea e alla nuova Cassa Centrale Banca, per il solo Alto Adige esiste Cassa Centrale Raffaisen che assicura i propri servizi al sistema delle Raiffeisen, il locale credito cooperativo.

«Nel corso dell’esercizio 2019, Cassa Centrale Raiffeisen dell’Alto Adige ha realizzato importanti progetti e conseguito i migliori risultati della sua storia. Siamo molto soddisfatti. Questo ci offre una solida base di partenza dalla quale affrontare il futuro con forza e determinazione» afferma il presidente uscente della Cassa Centrale Raiffeisen, Michael Gruener, sulla base del bilancio approvato dall’assemblea dei soci. 

«Anche durante l’esercizio 2019, assieme alle Casse Raiffeisen, abbiamo messo a disposizione delle imprese altoatesine ingenti risorse economiche affinché queste ultime potessero realizzare i propri progetti imprenditoriali», spiega Gruener. 

Con un incremento di 64,1 milioni di euro (+4,02%), il volume creditizio ha raggiunto la quota di 1.660 milioni di euro, valore mai raggiunto prima nella storia della banca locale. I depositi da clientela hanno raggiunto il valore più alto mai conseguito dalla banca, portandosi a 1.614 milioni di euro (+8,17%). Allo stesso modo, la raccolta diretta complessiva, che comprende le obbligazioni emesse dalla banca, ha raggiunto un livello superiore rispetto all’anno precedente, toccando i 2,19 miliardi di euro (+16,39%). La raccolta indiretta (fondi di investimento, obbligazioni di emittenti terzi, azioni, assicurazioni sulla vita) arriva a fine anno a 3,1 miliardi di euro (-1,23%). Nel 2019, Cassa Centrale Raiffeisen ha conseguito un utile al lordo delle imposte pari a 39,82 milioni di euro, pari a 29,3 milioni di utile netto.

«Disponiamo delle riserve necessarie per affrontare gli anni a venire», afferma Gruener secondo cui l’utile netto 2019 «rappresenta il miglior risultato mai ottenuto prima dalla Banca». Il rendimento da dividendi nel 2019 è stato del 6,92%. 

Dopo l’assemblea dei soci, il consiglio d’amministrazione di Cassa Centrale dell’Alto Adige Spa ha eletto Hanspeter Felder come suo nuovo presidente. Il 48enne originario di Valdaora succede a Michael Gruener che ha presieduto la banca per 23 anni. Ad affiancarlo in qualità di vicepresidente ci sarà Josef Alber. 

Felder da cinque anni è membro del consiglio della Cassa Centrale Raiffeisen. «L’inizio della mia presidenza coincide con un periodo difficile che probabilmente segnerà una svolta per l’Alto Adige. La Cassa Centrale Raiffeisen dell’Alto Adige ha il compito di supportare nella loro attività bancaria le 39 Casse Raiffeisen presenti in Alto Adige. La creazione di un sistema di tutela istituzionale (Ips) assicura la continuità anche delle più piccole Casse Raiffeisen locali – sottolinea il neo presidente Felder -. La Cassa Centrale offrirà alle Casse Raiffeisen, in misura sempre maggiore, dei servizi che queste ultime non desiderano o non possono assumere. Ulteriore obiettivo sarà intensificare la comunicazione e la cooperazione tra i partner dell’Organizzazione bancaria Raiffeisen dell’Alto Adige. Insieme faremo di tutto per fornire liquidità in maniera non burocratica agli altoatesini, siano essi imprese, famiglie o privati. Andremo incontro al cambiamento attivamente».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata