Fly spa, l’azienda del gruppo Forgital aumenta l’occupazione nello stabilimento di Grigno

0
2147
fly gruppo e componente rolls royce 1
fly gruppo e componente rolls royce 1Prosegue la crescita della produzione in Valsugana di componenti per motori d’aereo per conto di Rolls Royce

Fly spa continua nel suo percorso di crescita: la società di Grigno, nata nel 2008 grazie all’impegno congiunto della provincia di Trento, tramite Trentino Sviluppo, e del gruppo Forgital della famiglia Spezzapria, specializzata nella produzione di parti di motori aeronautici per la Rolls Royce, ha siglato un nuovo accordo negoziale dove, a fronte degli impegni finanziari assunti dalla Provincia, si rilanciano da un lato gli obiettivi sul fronte occupazionale – quelli precedentemente concordati sono stati nel frattempo già raggiunti e superati – per arrivare nel 2015 a 105 unità, a 120 nel 2016 e a 135 nel 2018 (l’accordo sindacale del 2010 aveva fissato un tetto di 49, a tutt’oggi sono circa una novantina).

Dall’altro, viene confermato l’impegno dell’azienda a rafforzare il proprio patrimonio, tramite l’aumento del capitale sociale per 5 milioni di euro, contestualmente all’accoglimento di una serie di deroghe di carattere tecnico, in particolare riguardo alla diversa ripartizione fra investimenti in beni immobili e mobili.

Soddisfazione del vicepresidente e assessore allo sviluppo economico e lavoro Alessandro Olivi, per il quale l’esperienza della Fly dimostra come «investire nell’innovazione, nella ricerca, nelle risorse umane alla fine “paga” anche sul fronte occupazionale».

La società Fly Spa, azienda internazionale con sede a Grigno in Valsugana, opera in un mercato in un forte ascesa, e si contraddistingue per lo spazio dato già oggi ad una politica delle risorse umane che valorizza in particolare i giovani. L’azienda ha attualmente in corso, in base alla legge 6, due domande di agevolazione, presentate rispettivamente nel 2008 e nel 2011, a fronte delle quali sta sviluppando un piano di investimenti in tre livelli – beni immobili e mobili – presso il proprio insediamento produttivo di Grigno, per circa 75 milioni di euro. Il piano è sostenuto dalla Provincia per un importo pari a circa 7 milioni di euro.

Nel 2010 era stato siglato anche dall’azienda un accordo sindacale e successivamente, nel 2012, un accordo negoziale, assieme anche alla Provincia. Con la firma di oggi viene chiuso di fatto il secondo livello, per investimenti complessivi pari a 50 milioni. Sul piano occupazionale la società si impegna a raggiungere entro il 2015 105 dipendenti. L’impegno è inoltre quello di raggiungere entro il 31 dicembre 2016 un livello occupazionale pari a 120 dipendenti e entro il 31 dicembre 2018, alla chiusura del terzo livello, di 135 dipendenti, da mantenersi per i cinque anni successivi (con tolleranza del 10% rispetto all’oscillazione del 20% precedentemente stabilita).