Generali Italia lancia “Partner di Vita”

Presentato il nuovo piano triennale che prevede investimenti per 300 milioni e 1.150 assunzioni. All'anteprima nella sede di Mogliano Veneto anche il ministro alle Economia, Giovanni Tria: «un esempio concreto di innovazione». L’amministratore delegato Sesana: «puntiamo ad offrire ai clienti nuovi servizi più vicini a loro». 

0
1404
partner di vita
Marco Sesana, amministratore delegato di Generali Italia

Per presentare il nuovo piano triennale di sviluppo all’insegna dello sloganPartner di Vita”, Generali Italia ha riunito nella sua sede di Mogliano Veneto i responsabili di tutti i comparti coinvolti nella nuova organizzazione che punta grandemente sulla logica della servitizzazione, ovvero avvicinare la Compagnia leader in Italia alle necessità dei clienti nelle loro diverse esigenze, dalla gestione delle polizze e dei vari eventi dannosi alla qualità della vita, presente e futura.

Alla presentazione del piano che si articola su quattro punti cardine (famiglia, benessere, lavoro e mobilità), nell’Innovation Park di Mogliano Veneto, l’amministratore delegato di Generali Italia, Marco Sesana, ha accolto il ministro dell’Economia Giovanni Tria, il quale dopo un rapido giro tra i vari ambiti di presentazione di “Partner di Vita” accompagnato da Sesana e dall’amministratore delegato del Gruppo Generali, Philippe Donnet, si è concesso per un fugace contatto con la stampa presente. «Sono rimasto veramente colpito – ha detto Tria – perché c’è un’azione fortemente di sistema, oltre a vedere un’impresa italiana che è leader europeo nel suo campo ed è un punto di riferimento nel mondo dell’azione della grande impresa italiana. Si tratta non soltanto di portare innovazione ai vostri clienti, che sono i cittadini e le imprese, ma significa anche sviluppare una grande domanda di innovazione nel Paese. E si coglie che quella differenza che si usa dire tra l’economia finanziaria e l’economia reale, qui non c’è».

partner di vita
Marco Sesana (amministratore delegato di Generali Italia) con il ministro all’Economia, Giovanni Tria

Dopo l’apparizione di Tria, Sesana ha presentato gli obiettivi del piano triennale e i numeri di Generali nel 2018. Generali Italiaha chiuso il 2018 in crescita, con oltre 23 miliardi di premi complessivi con un utile in linea con il 2017 che si chiude a circa un miliardo di euro e, per il triennio 2019-’21, Sesana ha annunciato un ulteriore investimento da 300 milioni per innovazione, competenze e persone. «La logica – ha detto Sesana – è sviluppare molto di più i servizi ed essere effettivi “Partner di Vita” delle persone, ovvero lavorare per offrire alle persone la nostra presenza nei momenti importanti della loro vita, che siano nel benessere, nella mobilità, nel lavoro, nella famiglia. Tutti ambiti nei quali noi vogliamo essere presenti con la nostra nuova filosofia di “Partner di vita” delle persone».

Per fare questo Generali la strategia si articola su cinque pilastri: la consulenza sul valore; il focus sul cliente; una nuova generazione di offerta assicurativa integrata; un’ulteriore apertura alle collaborazioni e agli ecosistemi; un’evoluzione del modello operativo. Tutti elementi che, nella visione di Generali, possono portare a centrare gli obiettivi fissati per il 2021: l’aumento della soddisfazione del cliente (+10%) e della produttività della rete (+15%); la crescita in tutti i segmenti di attività (vita, danni e salute); il raggiungimento dei 2,5 milioni di clienti connessi (+65%) ai nuovi servizi che spaziano dalla stipula dei contratti con una notevole semplificazione delle procedure che prevedono la spinta a servizi sempre più integrati con la logica del “pacchetto” e relativa scontistica per acquisti di più servizi, agli interventi di telesorveglianza e telesoccorso, sia in casa che in mobilità.

Nei padiglioni dell’Innovation Park, ognuno dedicato a uno degli aspetti del piano triennale, sono state presentate le principali innovazioni proposte, come per esempio il progetto “Immagina strade nuove”, che offre una serie di coperture a chi si muove non solo in auto, inserendo 17 differenti mezzi di trasporto, oppure “Misura il tuo benessere” in collaborazione con Welion (la divisione di Generali che si occupa di salute) che punta a fare scoprire agli utenti aspetti relativi al miglioramento della qualità di vita e della salute, sia sul posto di lavoro che a casa. Spazio anche alla domotica con servizi di teleallarme e telediagnosi che accompagnano la copertura assicurativa o alla prevenzione dei rischi catastrofali (“Protezione Solidale”).

Generali con “Partner di Vita” punta al rafforzamento della sua missione sociale, sia come partner di numerose attività benefiche e culturali (come quelle in essere nel progetto “Valore Cultura” con il teatro La Fenice di Venezia o il San Carlo di Napoli), oltre allo sviluppo dell’occupazione e alla sua qualità. «Dal nostro punto di vista – ha più volte sottolineato Sesana nel suo intervento – occupazione e innovazione vanno insieme, perché noi ci stiamo impegnando ad assumere 1.150 persone nel prossimo piano, che si occuperanno di tecnologia, di business più tradizionali, si occuperanno complessivamente dello sviluppo della compagnia, che è la cosa necessaria per creare occupazione. Siamo un’azienda più semplice, più innovativa e più profittevole – ha concluso Sesana – e al tempo stesso un’azienda più sostenibile. Il mercato assicurativo resta in crescita e ci sono grandi opportunità».

Per rimanere sempre aggiornato con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscriviti al canale Telegram

https://t.me/ilnordest

o vai su Twitter

@nestquotidiano

https://twitter.com/nestquotidiano

o,  ancora, su Linkedin