Emilia Romagna: nel III trimestre 2020 produzione manifatturiera in calo del 6,7%

Analisi di Unioncamere, Confindustria e Intesa Sanpaolo. Permane la forte incertezza sul mercato interno ed estero.

0
143
produzione manifatturiera
Ancora un calo nella produzione manifatturiera dell'Emilia Romagna, specie nel sistema moda.

Continua il calo della produzione manifatturiera in Emilia Romagna: dopo una «flessione di quasi il 20% nel secondo trimestre dell’anno, nel terzo il calo della produzione manifatturiera, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, si è fermato a 6,7%». Il dato emerge dalla consueta analisi congiunturale regionale, condotta da Unioncamere Emilia Romagna, Confindustria Emilia Romagna e Intesa Sanpaolo. 

A livello settoriale, si evidenziano, agli estremi l’alimentare e il sistema moda: le industrie alimentari e delle bevande hanno registrato una variazione della produzione pari a 1,1%, mentre la moda ha registrato un calo del 15,8%. Per l’industria dei metalli, la diminuzione della produzione si è attestata al 9,3%, mentre la meccanica ha registrato un -5,7%. 

Dall’inizio della pandemia a fine settembre, un terzo delle imprese ha registrato un calo del fatturato superiore al 20%, sull’anno precedente e un altro terzo inferiore al 20%. Nel sistema moda la quota di imprese con fatturato in flessione sfiora l’80%; nell’alimentare il 50%. 

Quanto all’export, nel solo terzo trimestre il fatturato estero è diminuito del 4,2% e gli ordini esteri hanno fatto segnare una variazione negativa pari a 2,6%. Sul versante occupazionale, il 9% delle imprese ha ridotto l’organico e quasi la metà ha fatto ricorso alla cassa integrazione. Complessivamente un’impresa manifatturiera su 5 ha attivato forme di lavoro a distanza. Quanto alle prospettive per l’ultimo trimestre 2020, il 26% delle aziende stima un nuovo calo della produzione manifatturiera, il 50% prevede una sostanziale stabilità, il 24% ipotizza un aumento. 

Alla luce dell’emergenza legata alla diffusione del Covid-19, per la produzione manifatturiera regionale «le prospettive a breve termine risultano incerte. È una situazione mai vista ed estremamente complessa e, quindi, particolarmente difficile da valutare: nel terzo trimestre la ripresa delle attività aveva permesso al settore manifatturiero un significativo recupero dei livelli produttivi, ma la “seconda ondata” ha interrotto il cammino – afferma Alberto Zambianchi, presidente di Unioncamere Emilia Romagna -. Continuano quindi a essere necessarie riletture e revisioni costanti, a fronte di uno scenario grave e in continuo mutamento». 

Cristina Balbo, direttrice regionale di Intesa Sanpaolo prosegue l’analisi: «a partire dall’estate, abbiamo riscontrato segnali di recupero da parte delle imprese, dettati dalla forte volontà di ripresa del tessuto imprenditoriale regionale che riscontriamo quotidianamente nella nostra attività. I dati del terzo trimestre confermano questo trend ma restano dei margini di incertezza perché la forza della ripresa dipenderà dalle evoluzioni del contesto sanitario nazionale e internazionale».

Secondo il presidente di Confindustria Emilia Romagna, Pietro Ferrari, «la situazione critica che stiamo vivendo impone di andare oltre l’analisi di quanto è accaduto sinora e guardare in prospettiva nel medio e lungo termine. La crisi in atto è esogena rispetto all’economia: non a caso l’Emilia Romagna ha reagito meglio delle attese alla fine del confinamento, grazie alla tenuta della manifattura, alla vivacità delle filiere produttive e alla presenza di fondamentali solidi che saranno il nostro punto di forza quando usciremo dalla pandemia. A livello regionale – sottolinea Ferrari – contiamo sul “Patto per il lavoro” per delineare una visione di medio e lungo periodo in grado di sostenere la crescita, ma capace anche di individuare alcune vere priorità su cui puntare con decisione».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata