Il gruppo Gpi s’aggiudica il rinnovo del servizio Recup della sanità del Lazio

Gara comunitaria da 64,8 milioni di euro per quattro anni di servizio. L’azienda fondata da Fausto Manzana si conferma leader del settore in Italia. 

0
863
gruppo gpi

Il Gruppo Gpi, società trentina quotata sul mercato MTA leader nei sistemi informativi e servizi per la sanità e il sociale, si è aggiudicato in via provvisoria la gara d’appalto per la gestione multicanale del servizio ReCUP della Regione Lazio. Nelle prossime settimane saranno espletate le formalità e svolte le verifiche previste dalla normativa per giungere all’aggiudicazione definitiva.

Il valore di aggiudicazione è pari a 32,4 milioni per 24 mesi, rinnovabile per altri 24, per un totale di 64,8 milioni di euro. Il raggruppamento temporaneo di imprese è guidato da Contact Care Solutions (70%), società controllata al 100% dal Gruppo Gpi, affiancata dalla cooperativa aCapo (30%).

Prosegue in continuità la gestione da parte del Gruppo Gpi, già gestore del servizio negli ultimi due anni, e che ora, alla guida di un nuovo Rti, si è aggiudicato l’appalto grazie a un elevato punteggio sulla qualità del progetto presentato.

Il servizio ReCUP gestisce il Centro Unico di Prenotazione delle prestazioni del servizio sanitario regionale, sul quale convergono, attraverso vari canali, le richieste di prenotazione da erogarsi presso tutte le strutture sanitarie pubbliche della Regione Lazio, oltre a quelle private accreditate. Il servizio copre un bacino di utenza di quasi 6 milioni di cittadini e a oggi impiega circa 800 operatori (personale dell’attuale RTI).

L’appalto prevede, in particolare, l’esecuzione delle attività di coordinamento tecnico-organizzativo, la gestione e l’erogazione del servizio di ReCUP da intendersi come insieme di beni, tecnologie ICT, servizi di Contact Center e attività volte a garantire la semplificazione dell’accesso alle prestazioni sanitarie erogate dal Servizio Sanitario Regionale (SSR) della Regione Lazio, nonché la rilevazione della disponibilità dei posti letto offerti dal SSR. L’infrastruttura software e la centrale telefonica saranno manutenute, potenziate ed evolute per garantire una sempre maggiore efficienza oltre che una semplificazione dell’accesso multi-canale al servizio (telefono, web, app).

«L’aggiudicazione di questa gara testimonia l’ottimo lavoro fatto negli ultimi due anni a fianco dei professionisti del sistema sanitario della Regione Lazio – afferma Sergio Manzana, direttore ASA Care del Gruppo Gpi -. Le competenze maturate sul campo dal Gruppo, che gestisce l’accesso ai servizi di cura di oltre 28 milioni di cittadini, e la capacità di reagire velocemente alle nuove necessità emerse durante l’emergenza sanitaria trovano un ulteriore riconoscimento».

La società trentina, fondata da Fausto Manzana, attuale presidente di Confindustria Trento, si conferma leader italiano del settore, con la gestione dei servizi di gestione dei Cup della sanità del Trentino, Veneto, Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte (provincia di Biella), Abruzzo, Lazio, Campania, Puglia, Sicilia, Sardegna. Già vinte le gare in Liguria e in Basilicata, dove il servizio partirà non appena effettuati alcuni adempimenti tecnici.

Attiva da oltre trent’anni, la società ha chiuso il 2020 con ricavi consolidati pari a 271 milioni di Euro, oltre 6.100 dipendenti e più di 2.400 clienti distribuiti in oltre 60 paesi.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata.

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riserva