Il mercato dei prodotti piani in acciaio si consoliderà nel secondo semestre 2021

Prezzi: in Europa, dopo l’escalation dei primi mesi 2021, si attende una stabilizzazione. 

0
449
prodotti piani in acciaio del triveneto

Il comparto dei prodotti piani in acciaio lavorati a caldo, sia in Italia sia in Europa, dopo aver risentito della crisi pandemica nella prima metà del 2020, nel primo semestre 2021 si è rimesso rapidamente in marcia e ha assunto il ruolo di protagonista della siderurgia italiana ed europea.

La sua corsa non sembra ancora in procinto di fermarsi, ma le previsioni annunciano una stabilizzazionedella produzione e dei prezzi nei prossimi sei mesi. Questo quanto emerso dal webinarMercato & Dintorni” di siderweb che ha visto gli interventi di Flavio Bregant (direttore generale di Federacciai), Emanuele Norsa (editor di Kallanish e collaboratore di siderweb), Alessandro Faroni (direttore commerciale coils di Acciaierie d’Italia) ed Andrea Gabrielli (presidente di Gruppo Gabrielli).

«Se nel 2020 la produzione italiana di prodotti piani in acciaio lavorati a caldo era diminuita del 16,2%rispetto al 2019 (attestatasi a 9,5 milioni di tonnellate), con un calo più marcato in concomitanza della prima ondata della pandemia, già a partire da novembre 2020 il settore ha ripreso a crescere. Una tendenza che si è consolidata in modo consistente – evidenzia Flavio Bregant, direttore generale di Federacciai – nei primi cinque mesi del 2021: i piani sono cresciuti del 15,5% (+625.000 tonnellate) rispetto agli stessi mesi del 2020. Un vero e proprio toccasana per questa produzione, tornata a maggio quasi a livelli produttivi pre-crisi».

Specularmente, hanno seguito gli stessi andamenti i settori utilizzatori: «questi, in Italia, hanno avuto forti cali nel 2020, quando l’automotive e le costruzioni hanno avuto contrazioni medie del 20%. Nel 2021 – sottolinea Bregant – la crescita rispetto all’anno precedente è stata generalizzata, con punte d’incremento del 60%registrate nell’automotive e del 40% nelle costruzioni».

Numeri che fanno ben sperare in vista del secondo semestre 2021, anche se generalmente non sarà recuperato quanto perso nel 2020: «secondo le previsioni pubblicate a maggio da Eurofer – conclude Bregant –, nella seconda parte del 2021 solo le costruzioni saranno tornate ai livelli pre-pandemici, mentre gli altri settori utilizzatori manterranno un gap medio attorno al 10% rispetto al 2019».

Il primo semestre 2021 è stato caratterizzato principalmente da tre fattori: aumento dei consumi, carenzadi materie prime e prodotti, prezzi in continua ascesa. Tuttavia, come ha esposto nella sua presentazione Emanuele Norsa, editor di Kallanish e collaboratore di siderweb, in vista dei prossimi sei mesi «i dati internazionali relativi ai prezzi delle materie prime mostrano come questi stiano entrando in una fase di stabilizzazione, seppure continueranno a restare a quote elevate».

Per far fronte a questa situazione, a livello globale sono state due le strade imboccate. «Assistiamo da questo punto di vista a un mondo spaccato in due. Da una parte – argomenta Norsa – abbiamo visto la chiara volontà di Cina e Russia di controllare i prezzi domestici limitando l’export; dall’altra parte l’Europa, che ha esteso la “Salvaguardia”, e gli Stati Uniti vanno in direzione opposta, con prezzi galoppanti. Inoltre, in Occidente la domanda di materie prime e prodotti finiti resterà alta e, vista la necessità di sopperire a una produzione domestica non ancora rientrata nelle quote del 2019, l’import resterà necessario».

«Nel contesto europeo – conclude Norsa –, dove l’Unione ha da pochi giorni prolungato il regolamento di esecuzione della normativa di “Salvaguardiafino al 2024, questa situazione di mercato ha da un lato svantaggiato i distributori e dall’altro lato giovato ai produttori».

Dal fronte dei distributori, è intervenuto Andrea Gabrielli, presidente del Gruppo Gabrielli: «dal nostro punto di vista c’è un po’ di rammarico per l’estensione della “Salvaguardia”, perché questa scelta si è probabilmente basata sul trascorso di un’economia in una contingenza piuttosto debole, invece di guardare alle prospettivedei prossimi anni e alle maggiori disponibilità di prodotto necessarie a sostenere la ripresa. In Italia la produzione di coils non copre la domanda, soprattutto in una fase di crescita come l’attuale. Ci preoccupa anche la durata di questa estensione. Tre anni sono tanti. Confidiamo quindi in una revisione, tanto più in caso di modifiche della Section 232 degli Stati Uniti».

Positivo anche il primo semestre 2021 dei produttori dei prodotti piani in acciaio. «Quello che abbiamo vissuto è stato un inizio anno eccezionale dal punto di vista dei prezzi e il livello raggiunto è stato inaspettato per tutti – ha detto Alessandro Faroni, direttore commerciale coils di Acciaierie d’Italia -. Di conseguenza, sul mercato resta in tensione tutto il settore delle materie prime e le scelte di alcuni governi potrebbero contribuire a farli restare molto alti, con tutte le conseguenze del caso. Ma lo scenario potrebbe cambiare con l’incrementodella produzione del 2021 che registrerà un incremento di circa il 50% rispetto al 2020».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata.

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata