Unioncamere Emilia Romagna, Pil 2021 cresce del 6,5% spinto da costruzioni

Per il 2022 si stima una crescita del 3,8%. Zambianchi: «ci aspetta una fase piena di insidie e di opportunità». 

0
554
unioncamere Emilia Romagna
Il presidente di Unioncamere Emilia Romagna, Alberto Zambianchi.

Vissuto un 2020 marcato dalla emergenza Covid-19, il 2021 si segnala come l’anno del rimbalzo anche se per arrivare a un recupero pieno occorrerà attendere la fine del prossimo anno, quando l’Emilia Romagna avrà superato illivello del Pil del 2019: lo afferma il rapporto annuale intitolato “Dalla ripresa ai cambiamenti strutturali: analisi e prospettive per l’economia dell’Emilia Romagna”, realizzato in collaborazione da Unioncamere e Regione e basato su stime di Prometeia.

Nel 2021 è prevista una ripresa del prodotto interno lordo regionale, visto in crescita del 6,5%, che proseguiràanche nel 2022 ad un ritmo più contenuto stimato sul +3,8%. I numeri della ripresa – afferma il rapporto – «potrebbero essere ancora superiori se non si registrassero difficoltà legate all’approvvigionamento di materie prime e al costo dell’energia».

A livello settoriale, è il comparto delle costruzioni, sulla spinta degli incentivi alla ristrutturazione edilizia, a registrare l’incremento maggiore con una crescita stimata per il 2021 superiore al 20%. Bene anche l’industria che dovrebbe aumentare del 10,5% mentre per il terziario si prevede un incremento del 4,2%. Tra i diversi comparti, quello turisticoha chiuso i primi nove mesi del 2021 con una stima di 44,5 milioni di presenze, (+27,8% rispetto ai 34,8 milioni registrati nel 2020, ma con una flessione del -19% rispetto ai 54,9 milioni del 2019) mentre gli arrivi stimati superano gli 8,4 milioni (+28,1% rispetto al 2020 e -29% rispetto al 2019).

Se si prende in considerazione la media dei primi tre trimestri, l’occupazione regionale è in crescita dello 0,7% rispetto alla media dei primi nove mesi del 2020 (14.000 occupati in più) anche se risulta essere ancora inferiore al 2019 (-2%). Il tasso di disoccupazione statistica complessivo è pari al 5,4% (3,8% per i maschi e 7,3% per le femmine).

Guardando all’utilizzo della cassa integrazione, con le autorizzazioni di settembre il bilancio provvisorio sui primi nove mesi dell’anno è salito a 192,8 milioni di ore autorizzate, di cui il 39,4% per di cassa integrazione ordinaria, il 37,2% di Fis-Fondo integrazione salariale il 20,3% di cassa integrazione in deroga e la restante quota del 3% di cassa integrazione straordinaria.

Sul fronte delle esportazioni, uno dei cavalli di battaglia dell’economia regionale, nei primi 9 mesi dell’anno sono ammontate a quasi 52,9 miliardi pari al 7,1% dello stesso periodo del 2019, per un controvalore di aumento prossimo a 6,5 miliardi. Delle quattro più grandi regioni esportatrici – nell’ordine Lombardia, Emilia Romagna, Veneto e Piemonte – è l’Emilia Romagna quella che fa registrare il maggior incremento.

Nella nuova normalità imposta dalla pandemia, ha sottolineato il presidente di Unioncamere Emilia Romagna,Alberto Zambianchi, «la capacità di coniugare crescita economica, sostenibilità ambientale e coesione sociale si giocherà su terreni differenti rispetto a quelli conosciuti sino ad ora. Ci aspetta una fase ricca di insidie e, al tempo stesso di opportunità, nella quale saremo chiamati a percorrere sentieri inesplorati, andranno ricercati nuovi equilibri tra persone, imprese e istituzioni, equilibri che necessariamente richiederanno una perenne riconfigurazione».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”,

iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata.

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata