Acciaio: verso una carenza di materie prime e semilavorati

L’Italia è fortemente dipendente dall’import da Russia e Ucraina, che con il conflitto in atto potrebbe rallentare o interrompersi del tutto, facendo aumentare i prezzi. 

0
918
acciaio prodotti piani in acciaio frenata dell'economia lombarda

Nel breve periodo, a causa del conflitto in corso in Ucraina dopo l’attacco militare della Russia, potrebbe esserci un rallentamento o uno stop dell’import di materie prime e prodotti siderurgici dai due Paesi, dal quale l’acciaio italiano è fortemente dipendente. È emerso nel corso del webinar di siderweb – La community dell’acciaio dal titolo “Russia-Ucraina: l’impatto della guerra sulla siderurgia”.

«Sono molto elevati i rischi di una carenza o di un’interruzione, a breve, delle forniture di materie prime, semilavorati e prodotti piani russi e ucraini – ha detto il responsabile dell’Ufficio studi siderweb, Stefano Ferrari –. Ci sarà quindi un impatto diretto sui prezzi di ghisa, DRI e rottame, di bramme e dei prodotti piani in acciaio al carbonio, ma anche dell’acciaio inox, perché la Russia è il terzo esportatore mondiale di nichel, un prodotto che già ha scorte molto basse. Saliranno anche i costi di produzione dell’acciaio a causa dell’energia».

Nei primi 11 mesi del 2021, l’Ucraina ha esportato in Italia 2,82 milioni di tonnellate di acciaio, in aumento del 20,1%tendenziale. Il 91% sono materie prime (706.000 tonnellate) e semilavorati (1,87 milioni di tonnellate), contro una media dell’Ue del 61%. Nello stesso periodo, la Russia ha esportato in Italia 2,43 milioni di tonnellate di acciaio (-6,4%). L’81% sono materie prime (1,19 milioni di tonnellate) e semilavorati (767.000 tonnellate), contro una media europea del 64%. Si noti come l’acciaio italiano sia maggiormente esposto verso Russia e Ucraina rispetto alla media dei Paesi Ue.

Secondo l’analisi presentata da Gianfranco Tosini dell’Ufficio Studi siderweb, «la vera risorsa della Russia è il commercio estero, che va a finanziare gli investimenti, anche militari. Il saldo commerciale, nel 2020 a 91,8 miliardi di dollari, si è dimezzato rispetto ai volumi antecedenti al conflitto del Donbass del 2014. La difficoltà ad accumulare risorse: è questo il grimaldello da usare per scardinare l’economia russa». Le sanzioni imposte negli anni scorsi alla Russia «un effetto l’hanno avuto: nel 2016 si è toccato il minimo storico dell’export russo. Dal picco di 529,3 miliardi di dollari del 2012 si è scesi a 281,7 miliardi» puntualizza Tosini, ma contro le sanzioni c’è il principale partner commerciale della Russia: la Cina, destinataria nel 2021 del 28,9% dell’export russo: «la Russia potrebbe trovare nel partner cinese la possibilità di aggirare alcune sanzioni».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata.

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata