Inflazione: Bolzano e Trento le città più care d’Italia

Secondo la classifica stilata dall’Unc, il Trentino il territorio con maggiori rincari. Con una crescita al 7,9% si traduce a parità di consumi in una maggiore spesa pari a 2.427 euro annui per la famiglia “tipo”. 

0
555
inflazione

La città di Bolzano è in testa alla classifica dell’Unione nazionale consumatori (Unc) dei capoluoghi e delle cittàcon più di 150.000 abitanti più care, con un’inflazione annua pari a +10% (la più alta d’Italia), che si traduce in una maggior spesa aggiuntiva annua equivalente di 2.658 euro. Al secondo posto c’è Trento, dove il rialzo dei prezzidel 9,5% determina un incremento medio di spesa pari a 2.486 euro per famiglia.

A Bologna si ha un aumento dei prezzi dell’8,6% per un aumento della spesa di 2.145 euro mentre a Firenze si registra un +8,6% per 2.006 euro in più. La città più virtuosa è Campobasso, con un’inflazione del 6,9% e una spesa aggiuntiva per una famiglia tipo pari a 1.263 euro seguita da con una crescita dei prezzi del 7,1% e una spesa maggiorata per 1.326 euro e Bari con un’inflazione a luglio del 7,8% e rincari per una famiglia tipo di 1.354 euro. Roma registra un’inflazione al 7,5%, inferiore alla media nazionale con una spesa maggiore di 1.756 euro a famiglia rispetto all’anno scorso. A Napoli i prezzi sono aumentati del 7,6% per una spesa per nucleo tipo maggiorata di 1.538 euro.

La classifica di Unc è stata stilata sulla base dei dati Istat relativi all’inflazione di luglio nelle regioni, nei capoluoghi di regione e nei comuni con più di 150.000 abitanti. Per quanto riguarda la classifica delle regioni e delle provincie autonome, con un’inflazione annua a +9,7%, il Trentino è al primo posto, con un aggravio medio pari a 2.521 euro su base annua per famiglia. Segue la Lombardia, dove la crescita dei prezzi del 7,7% implica un’impennata del costo della vita pari a 2.001 euro, terzo il Veneto, +8,5%, con un rincaro annuo di 1.946 euro. La regione piùvirtuosa è il Molise con una crescita dei prezzi del 6,9% (1.263 euro il rincaro medio a famiglia) seguita dalla Pugliacon un aumento dei prezzi del 7,9% e un rincaro medio a nucleo di 1.279 euro.

«L’inflazione ancora elevatissima e pari al 7,9% a luglio è una tragedia per i consumatori e avrà effetti pesantissimi sull’economia nazionale» afferma il Codacons commentando i dati Istat diffusi oggi dall’Istat. «Il tasso di inflazione al 7,9% si traduce a parità di consumi in una maggiore spesa pari a +2.427 euro annui per la famigliatipo”, che raggiungono +3.152 euro annui per un nucleo con due figli, considerata la totalità dei consumi di una famiglia – calcola il Codacons -. Considerato l’andamento complessivo dell’inflazione nel nostro paese questo significa che, a parità di consumi, gli italiani subiscono nel corso dell’anno un aggravio di spesa pari a complessi +53,5 miliardi di euro per l’acquisto di beni e servizi rispetto al 2021, di cui 10,9 miliardi di euro solo per la spesa alimentare a causa proprio dell’aumento di prezzi e tariffe».

«Siamo in presenza di una vera e propria emergenza nazionale che avrà effetti pesanti sull’economia e sulle condizioni economiche delle famiglie – spiega il presidente del Codacons, Carlo Rienzi -. È necessario intervenire con urgenza tagliando subito l’Iva sui beni di prima necessità come gli alimentari, i cui prezzi hanno subito a luglio un rincaro record del +10% su base annua, in modo da consentire una riduzione immediata dei listini al dettaglio e permettere alle famiglie di mettere il cibo in tavola senza subire un salasso».

Dal dato variabile per località dell’inflazionemolto maggiore al Nord che al Sud – fa emergere la necessità di superare la retribuzione e le pensioni uguali in tutto il territorio nazionale e di parametrarle al reale costo della vita, anche per non inficiare la mobilità nazionale dei lavoratori – come stanno evidenziando i vari bandi connessi alle assunzioni del Pnrr, con i posti destinati al Nord largamente vuoti proprio per il maggiore costo della vita. La situazione che si viene a creare di fatto è che i lavoratori al Nord e nelle zone a maggiore inflazione sono più poveri dei loro colleghi dove l’inflazione morde meno. Una situazione che i sindacati per primi dovrebberosanare nella loro contrattazione, prevedendo la parametrazione regionale del costo del lavoro.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata