Alcedo SGR acquisisce la maggioranza della trevigiana Ekalab

0
307

Nell’operazione hanno prestato assistenza gli studi Russo De Rosa Associati, Adacta Advisory, OC&C e Tauw. I soci di Ekalab sono stati assistiti da Fiabane & Partners, mentre Orrick ha agito al fianco dei finanziatori.

Alcedo SGR, attraverso il Fondo Alcedo V, ha acquisito l’64,2% di Ekalab S.r.l. (“Ekalab”), società attiva nella produzione e commercializzazione di integratori alimentari, nutraceutici, fitoterapici, farmaceutici e dispositivi medici.

Alcedo ha rilevato la partecipazione dai soci di riferimento, Giuseppe Salvadori, Josef Peron ed Andrea Rosso che manterranno una quota del 35,8% ed i loro ruoli operativi di co-amministratori delegati all’interno dell’azienda con focus rispettivamente sulle aree operations, direzione generale e commerciale. Andrea Rosso, manager di comprovata esperienza internazionale nel settore, co-investirà con Alcedo e sarà responsabile dello sviluppo commerciale e strategico dell’azienda espandendone la presenza oltre i confini nazionali.

Ekalab, con sede a Ponzano Veneto (Treviso), è stata fondata da Giuseppe Salvadori e Josef Peron nel 2002. Nata da un piccolo laboratorio per la produzione di liquidi, solidi e polveri per la nutraceutica, in pochi anni è divenuta un operatore tra i leader di mercato nel suo segmento grazie anche al contributo allo sviluppo commerciale di Andrea Rosso, che si è affiancato ai soci fondatori a partire dal 2013, imprimendo un forte impulso all’attività di espansione della società.

Con i suoi oltre 100 dipendenti e quattro stabilimenti produttivi (per una superficie complessiva di circa 20.000 mq), si è specializzata nella realizzazione in private label di molteplici formati di integratori fra cui polveri (miscele e granulati), liquidi (estratti, sospensioni, sciroppi ed emulsioni) e solidi (capsule, softgel, compresse e tavolette masticabili).

Nel 2021 inoltre, Ekalab ha rilevato da Chiesi Farmaceutici l’attività dello storico stabilimento torinese di “Marco Antonetto”, accreditandosi così anche per la produzione di farmaci e dispositivi medici.

Sin dai suoi primi passi, Ekalab ha incluso nella sua mission due obiettivi fondamentali: l’innovazione e il rispetto dell’ambiente. Per questo ha creato al suo interno un importante reparto di ricerca e sviluppo che monitora i trend di mercato, individua nuove tecnologie, ricerca le migliori materie prime, attua un’attenta selezione della tracciabilità degli ingredienti e del packaging e sviluppa soluzioni e processi volti all’utilizzo di materiali riciclabili, sostenibili e biodegradabili.

La società, sin dalla sua fondazione, è stata caratterizzata da una progressiva e costante crescita di ricavi e marginalità, chiudendo l’esercizio 2021 con un valore della produzione di circa 36 milioni di Euro, in crescita di oltre il 30% rispetto all’esercizio precedente, nonostante il contesto di mercato estremamente sfidante.

L’operazione è stata conclusa da Alcedo con l’obiettivo di dare ulteriore spinta al percorso di crescita di Ekalab, affiancando e supportando Giuseppe Salvadori, Josef Peron e Andrea Rosso nel progetto di sviluppo basato in particolare sull’ampliamento dell’offerta produttiva e della clientela e sull’internazionalizzazione, anche per il tramite di possibili ulteriori operazioni di acquisizione di mirate aziende complementari e sinergiche a Ekalab.

Per Alcedo si tratta del secondo investimento con il Fondo Alcedo V, che ha effettuato a giugno 2022 il final closing a 238 milioni di Euro.

Per Alcedo l’operazione è stata condotta dai Partner Maurizio Tiveron e Filippo Nalon, dall’Investment Director Alessandro Zanet e dall’Investment Analyst Roberto Rinaldi.

Russo De Rosa Associati ha assistito Alcedo con un team trasversale composto da Leo De Rosa, Alessandro Manias, Andrea Massaccesi, Alessia Dellavedova e Pamela Roversi, per gli aspetti fiscali e di structuring dell’operazione da Andrea De Panfilis, Caterina Giacalone e Valentina Colonna, per gli aspetti legali e contrattuali, e da Alessandro Manico e Greta Calcagnile, per la negoziazione degli accordi finanziari.

Adacta Advisory ha svolto la Due Diligence finanziaria, grazie al team guidato da Francis De Zanche con Alessandra Nicastro ed Elisabetta Perissinoto, mentre OC&C ha svolto la Business Due Diligence con un team composto da Christian Christodulopulos, Caterina Sanson e Edoardo Vicere.

Tauw si è occupata della Due Diligence sui temi ESG.

I soci di Ekalab sono stati assistiti per gli aspetti fiscali, contabili e di structuring dallo Studio Fiabane & Partners con i partner Stefano Bordin ed Enrico Miotto e per gli aspetti legali dall’Avvocato Giorgio Bariani.

L’operazione è stata finanziata da Finanziaria Internazionale Investments SGR e Riello Investimenti Partners SGR entrambi assistiti da Orrick, con Marina Balzano, Giulio Asquini e Maria Costa.

Gli adempimenti notarili relativi alle operazioni sono stati seguiti dal Notaio Matteo Contento, in Montebelluna-Treviso.

Scopri tutti gli incarichi: Francis De Zanche – Adacta; Alessandra Nicastro – Adacta; Elisabetta Perissinoto – Adacta; Giorgio Bariani – Bariani Studio Legale; Stefano Bordin – Fiabane & partners; Enrico Miotto – Fiabane & partners; Giulio Asquini – Orrick Herrington & Sutcliffe LLP; Marina Balzano – Orrick Herrington & Sutcliffe LLP; Maria Costa – Orrick Herrington & Sutcliffe LLP; Greta Calcagnile – Russo De Rosa Associati; Valentina Colonna – Russo De Rosa Associati; Andrea De Panfilis – Russo De Rosa Associati; Leo De Rosa – Russo De Rosa Associati; Alessia Dellavedova – Russo De Rosa Associati; Caterina Giacalone – Russo De Rosa Associati; Alessandro Manias – Russo De Rosa Associati; Alessandro Manico – Russo De Rosa Associati; Andrea Massaccesi – Russo De Rosa Associati; Pamela Roversi – Russo De Rosa Associati;