Rapporto Regionale Pmi 2023: le Pmi reggono gli schok ma rallentano

Nel 2022 aumentano i fatturati, pesano inflazione e tassi sul sistema economico italiano.

0
550
Rapporto Regionale Pmi 2023

Le piccole e medie imprese italiane, pur con segnali di rallentamento, reggono agli shock sequenziali che negli ultimi anni hanno colpito il sistema economico: secondo il Rapporto Regionale Pmi 2023, nel 2022 crescono fatturato e valore aggiunto ma pesano l’inflazione e l’aumento del costo del debito.

La fotografia che emerge dall’indagine realizzata da Confindustria e Cerved, in collaborazione con UniCredit, che analizza i conti economici delle circa 160.000 Pmi italiane, stima una sostanziale tenuta di fatturato(+2,4%), valore aggiunto (+1,4%) e Mol (+2,9%), che recuperano i livelli del 2019 (rispettivamente +9,1%, +8,7% e +14,9%).

Questi indicatori «sono accompagnati da evidenze che suggeriscono una possibile inversione di tendenza nel prossimo biennio», con segnali di rallentamento «più significativi nelle zone del Centro-Sud che lasciano ipotizzare un incremento del divario strutturale tra sistema produttivo settentrionale e meridionale».

I primi effetti dell’inflazione e dell’aumento del costo del debito, prosegue il Rapporto Regionale Pmi 2023, fanno contrarre la redditività netta e gli utili delle Pmi: nel 2022 si stima infatti un calo del Roe dello 0,6% (dal 12% all’11,4%), con una riduzione più marcata al Centro e nel Mezzogiorno, mentre, NordEst e NordOvestsoffrono di meno.

In parallelo, aumenta la quota di Pmi in perdita, passando dal 12,2% del 2021 al 27,9% del 2022, con effetti più significativi nell’Italia centrale (dal 13,4% al 29,8%). Diminuiscono invece i fallimenti su base annua (-34,7%) e le procedure non fallimentari (-49,4%), confermando la prosecuzione del congelamento delle chiusure che si osserva dal 2019.

I dati del Rapporto dovrebbero consigliare al governo Meloni di investire decisamente sul rilancio dell’economia, con manovre anticicliche e con il taglio della tassazione che grava su chi intraprende.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata