Economia Friuli Venezia Giulia: 2023 tra luci e ombre

Previsioni per il 2024 all’insegna dell’incertezza secondo il II Osservatorio sull’economia della Cciaa di Pordenone-Udine.

0
372
pil italia Economia italiana Economia Friuli Venezia Giulia confindustria Congiuntura Flash Indagine Mediobanca Rialzo dei tassi pil emilia romagna grafico doppio indice di fiducia crescita calo

Un anno 2023 tra luci e ombre per l’economia del Friuli Venezia Giulia e uno scenario per il 2024 ancora incerto, dopo il “blocco” causato dal Covid nel 2020 e il rimbalzo positivo «a sorpresa» nel biennio ’21-’22. Sullo sfondo, la convivenza di fronti di preoccupazione, dovuti alla forte instabilità geopolitica e geoeconomica internazionale, e di fattori più incoraggianti come il calo dell’inflazione e l’aumento delle imprese e dell’occupazione in alcuni settori trainanti.

Questo il quadro che emerge dal II Osservatorio sull’economia del Friuli Venezia Giulia, realizzato dal Centro studi della Camera di commercio Pordenone-Udine incrociando e analizzando tutti i principali dati statistico-economici regionali in un confronto con i dati nazionali e internazionali. Il report è stato presentato oggi a Udine.

«Le preoccupazioni – ha commentato il presidente dell’ente camerale, Giovanni Da Pozzosono numerose: i due principali focolai di guerra in Ucraina e Medioriente, le difficoltà sul canale di Suez, elezioni che quest’anno si susseguiranno in tantissimi Paesi, molti dei quali cruciali, l’instabilità di alcune superpotenze come la Cina, il conseguente rallentamento della Germania e di chi, come Italia e in regione in particolare, è più esposto su quel mercato. Tuttavia, rileviamo che l’inflazione, dopo i picchi del 2022 sta rientrando su andamenti più naturali e se pure è innegabile la frenata dell’export fra 2022 e 2023 in Friuli Venezia Giulia, mentre altre regioni hanno comunque continuato a fare risultati positivi è vero altresì che il confronto dei valori esportati fra 2019 e 2023 dimostra una crescita».

In regione nel 2023 l’export è sceso del 13,7% su base annua e al netto della cantieristica navale la variazione è più contenuta, -8,1%, ha sottolineato con la responsabile del Centro Studi camerale, Elisa Qualizza, ma comparando 2023 e 2019, si registra invece un +23,2% di export, e con inflazione generale media nel periodo del 16%.

Tra i principali partner commerciali, si evidenzia la diminuzione dell’export soprattutto verso Usa -25%, Austria -23,7%, Francia -14,5% e Germania -12,1%, mentre cresce verso Paesi Bassi (+5,7%) e Croazia (+7,9%). Incremento a doppia cifra verso India (+43,8%), Canada (+10,5%), Brasile (+45%) e Arabia Saudita (+52,7%).

Secondo Prometeia, la crescita del Pil in regione è stata dello 0,8%, mentre per l’Italia sarà +0,7% nel 2024; per il Friuli Venezia Giulia ci si può attendere quest’anno una conferma (con un decimale in più rispetto alla media italiana). L’industria è stabile e le costruzioni, dopo anni di decisa crescita, segnano un lieve rallentamento. Nel 2024 e nel 2025 sarà sempre il terziario a trainare l’economia regionale, mentre l’industria in senso stretto tornerà a crescere a partire dal 2025.

«Un altro fattore critico – ha rimarcato Da Pozzo – ci arriva dal credito alle imprese, in calo in Italia e anche in regione: -5% credito alle imprese in Italia 2022-2023, – 5,2% in provincia di Pordenone e -5,8% in provincia di Udine». Tra gli altri dati positivi, il tasso di crescita complessivo delle imprese registrate in regione nel 2023 è +0,34%, e la sostanziale stabilità degli occupati, rispetto al 2022, con un -0,1% (media italiana +2,1%).

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano” e “Dario d’Italia”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

X

https://twitter.com/nestquotidiano

© Riproduzione Riservata