Caro mutui casa: inizia la fase di calo

Secondo il Codacons al momento, in attesa dei tagli della Bce, si possono risparmiare fino a 804 euro l’anno. Il tasso fisso più conveniente di quello variabile.

0
252
Caro mutui casa immobiliare Calano gli acquisti di case mutui casa accensione mutui casa caro tassi Effetto Lagarde Tassi sui mutui finanza locale

Caro mutui casa addio, o quasi: i tassi di interesse sui prestiti per le abitazioni iniziano a scendere, dopo due anni di aumenti costanti seguiti alle decisioni di politica monetaria della Bce. Rispetto al record toccato a novembre 2023, quando i tassi sui mutui si sono attestati sopra il 4,9%, si assiste ora ad una generalizzata inversione di tendenza che interessa sia i tassi fissi che quelli variabili.

Secondo il Codacons, che ha analizzato l’andamento dei tassi nell’ultimo periodo, chi oggi accende un finanziamento a tasso fisso per l’acquisto della prima casa si ritrova un Taeg tra il 2,7% e il 2,8%, in deciso ribasso rispetto al 3,7% di media di novembre 2023. Ciò equivale ad una rata mensile più bassa, con risparmi pari a circa 45 euro al mese per un mutuo da 100.000 euro a 30 anni, e di 67 euro al mese per un finanziamento da 140.000 euro a 25 anni. Su base annua la minore spesa sarà nel primo caso di 540 euro, nel secondo di oltre 804 euro.

Il caro mutui casa cala anche nel settore dei mutui variabili, oggi la migliore offerta sul mercato per un finanziamento da 100.000 euro a 30 anni presenta un Taeg del 4,62% contro il 4,91% di novembre, e una rata mensile da 496 euro rispetto ai quasi 513 euro di quattro mesi fa, con un risparmio di 16,8 euro al mese. Per un mutuo da 140.000 euro a 25 anni, il Taeg passa dal 4,95% di novembre al 4,65% di aprile, con una minore spesa di oltre 22 euro a rata. Per lo stesso importo, ma con un finanziamento trentennale, il Taeg scende dal 4,94% al 4,64%, pari ad una minore rata mensile di 23,68 euro, e un risparmio annuo di circa 284 euro.

Si tratta di piccoli segnali positivi che, tuttavia, non bastano a colmare il gap determinato dalla forte salita dei tassi registrata tra il 2022 e il 2023 come conseguenza dei continui rialzi imposti dalla Bce, con impatti che hanno raggiunto per alcune tipologie di mutuo una maggiore spesa fino a 5.000 euro l’anno rispetto ai tassi in vigore a fine 2021, aggiunge il Codacons, mandando in crisi i bilanci delle famiglie.

Le conseguenze del caro-rata sono state disastrose sia sul fronte immobiliare che su quello creditizio: lo scorso anno sono state vendute in Italia poco meno 710.000 abitazioni, con un calo del 9,5% rispetto al 2022. La quota totale delle case acquistate tramite il ricorso al finanziamento è stata di poco superiore al 36%, il minimo storico, e la centrale rischi Crif ha registrato per il 2023 una diminuzione del 24% delle richieste di mutuo e del 24% nelle erogazioni. Lo stock dei mutui è così sceso nel Paese da 426,2 a 423,5 miliardi di euro, 2,7 miliardi di euro in meno, con effetti negativi indiretti sul comparto dell’edilizia, dei mobili e dell’arredamento, conclude il Codacons.

Interessante notare come il mercato dei mutui casa abbia già registrato differenze dei tassi sulla base della classe energetica dell’abitazione acquistata, con quelle nelle classi migliori privilegiate con tassi inferiori rispetto a quelle nelle classi peggiori.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano” e “Dario d’Italia”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

X

https://twitter.com/nestquotidiano

© Riproduzione Riservata