Dal calo dei tassi una leva per la crescita del Pil italiano

Per il Centro studi Unimpresa nel 2025 possibile un +1,3% del Pil rispetto al +0,8% del 2024.

0
237
calo dei tassi pil italiano

Ci sono tutte le condizioni affinché l’economia italiana possa migliorare significativamente, con la crescita del prodotto interno lordo, nel 2024 stimato in crescita del 0,7-0,8%, che nel 2025 dovrebbe aumentare del 1,2-1,3% grazie soprattutto al calo dei tassi Bce.

La diminuzione del costo del denaro nell’area euro, al momento al 4,5%, che la Banca centrale europea dovrebbe ridurre nella riunione fissata per il prossimo 6 giugno darebbe carburante alla crescita dell’economia europea e italiana.

Secondo il Centro studi di Unimpresa, la spinta economica sarà favorita da altri tre fattori: il recupero del potere d’acquisto delle famiglie, la ripresa del commercio mondiale e l’aumento della spesa finanziata dal Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza) oggi in preoccupante ritardo, tanto che aumentano le pressioni per allungare di almeno un paio di anni la scadenza oggi fissata a giugno 2026.

«Nel momento in cui ci avviciniamo alla fine degli effetti della stretta monetaria, cerchiamo di guardare con ottimismo al futuro economico del nostro Paese. Gli indicatori attuali ci offrono segnali incoraggianti su diversi fronti fondamentali, che dovrebbero sostenere una crescita robusta del pil nel 2025, che il nostro Centro studi stima fino all’1,3% – commenta il vicepresidente di Unimpresa, Giuseppe Spadafora -. Il recupero del potere d’acquisto delle famiglie, anzitutto, è un segnale particolarmente positivo. La ripresa del commercio mondiale, poi, è una notizia benvenuta per le nostre imprese: l’aumento dei volumi di importazione è un chiaro segnale che l’economia globale sta ritrovando il suo slancio, il che offre nuove opportunità per le nostre aziende esportatrici. Il Pnrr rappresenta un’opportunità unica per modernizzare le nostre infrastrutture e stimolare la crescita economica: il governo guidato da Giorgia Meloni ha mostrato un impegno deciso nell’implementazione dei progetti, e questo impegno deve essere mantenuto e rafforzato; le opere infrastrutturali non solo creeranno posti di lavoro, ma avranno un effetto moltiplicatore sull’economia, rafforzando la competitività del Paese».

Secondo il Centro studi di Unimpresa, sono quattro i fattori che dovrebbero combinarsi per stimolare una ripresa economica più solida e sostenibile per l’Italia, segnando un punto di svolta dopo un periodo di incertezza economica.

Riduzione del costo del denaro: la Bce potrebbe avviare, il prossimo 6 giugno, un calo dei tassi, attualmente fissati al 4,5%. Si prevede che entro la fine del 2024 l’Eurotower possa implementare due o tre tagli dei tassi di interesse, portando il tasso base a scendere al 3,75% o al 4%. Questa politica di allentamento monetario è cruciale per il sostegno alla crescita economica, poiché un abbassamento del costo del denaro favorisce l’accesso al credito per imprese e famiglie, da parte delle banche. In particolare, un calo dei tassi comporterebbe una riduzione dei costi di finanziamento che può incentivare gli investimenti aziendali, stimolare l’espansione delle attività produttive e migliorare la liquidità delle imprese. Allo stesso tempo, le famiglie potrebbero beneficiare di prestiti più convenienti, aumentando il loro potere d’acquisto e sostenendo i consumi. Questo processo di progressiva normalizzazione della politica monetaria è essenziale per consolidare la ripresa economica e favorire una crescita sostenibile nel medio termine.

Recupero del potere d’acquisto delle famiglie: si prevede un aumento medio dell’1,5% nel biennio 2024-25, con un incremento totale del 2,9% dopo il calo del 2,2% del 2022-23. Tuttavia, l’impatto sui consumi sarà in parte limitato da un previsto aumento del tasso di risparmio, stimato al 7,4% in media nel 2024-‘25, rispetto al minimo storico del 6,3% registrato nel 2023.

Ripresa del commercio mondiale: ci sono segnali iniziali di ripresa, con la variazione annua dei volumi delle importazioni mondiali che ha toccato il punto più basso a settembre 2023 e ha iniziato una lenta ripresa, prevista continuare nei prossimi trimestri.

Aumento della spesa finanziata dal Pnrr: nonostante la mancanza di dati ufficiali per l’anno corrente, le evidenze aneddotiche sui bandi per le opere pubbliche degli enti locali suggeriscono un maggiore ottimismo sullo stato di avanzamento dei lavori. Anche con previsioni prudenziali di spesa nel 2024 (30/40 miliardi rispetto ai 50 miliardi ancora teoricamente disponibili per il triennio 2024-26), si prevede un notevole impatto positivo sul pil, soprattutto grazie all’aumento dei nuovi progetti rispetto a quelli esistenti e a opere infrastrutturali con un effetto moltiplicatore superiore a quello degli incentivi fiscali.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano” e “Dario d’Italia”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

X

https://twitter.com/nestquotidiano

© Riproduzione Riservata