Fitch dopo lo Stato, taglia il rating anche agli enti locali

0
422
grafico caduta mercato 1
grafico caduta mercato 1Le province autonome di Trento e Bolzano, Valle D’Aosta, Friuli Venezia Giulia e Lazio declassate di due gradini

Dopo aver tagliato il rating sovrano dell’Italia, Fitch ha abbassato anche il giudizio sulla maggior parte delle regioni, province e comuni italiani. Tra queste anche le province di Bolzano e Trento, declassate di ben due gradini, da AA- ad A, assieme a Valle D’Aosta, Friuli Venezia Giulia e Lazio.

3n generale il declassamento è di un gradino, come fatto per quello sovrano, portato da A- a BBB+. I comuni di Roma e Milano vengono entrambi declassati a BBB+ da A-.

Tra le regioni declassate di due gradini figurano la Valle D’Aosta, che passa ad A da AA-, come così pure il Friuli Venezia Giulia e le province autonome di Bolzano e Trento, mentre il Lazio scende, sempre di due gradini, a BBB da A- a causa degli importanti impegni di bilancio che la regione deve affrontare nei prossimi due anni. Confermati i rating di Calabria a BBB+ e Sicilia a BBB. La Lombardia scende a BBB+ da A- come il Veneto, mentre il Piemonte retrocede a BBB da BBB+. Il comune di Napoli precipita a BBB- da BBB, appena un gradino dal livello ‘junk’, spazzatura.