Bilancio stagione estiva: per Federalberghi difficile ripetere i risultati del 2018

Bocca: «pesano il maltempo e la ripresa dei competitor esteri come Egitto e Turichia». 

0
304
Bilancio stagione estiva

A metà stagione estiva, iniziano i primi bilanci da parte degli operatori turistici che vedono l’estate 2019 generalmente sottotono, giudicando difficile ripetere i risultati del 2018.

«Ieri mi raccontavano che in Versilia ci sono spiagge con ombrelloni chiusi in pieno agosto… Dopo un maggio falcidiato dal maltempo, un giugno e un luglio in linea con lo scorso anno, se “buchiamo” agosto, a settembre sarà complicato recuperare. L’obiettivo è fare lo stesso risultato dello scorso anno, ma la vedo dura. Anche perché sono tornati pienamente in partita tutti i nostri competitor (Egitto, Turchia ma anche nuove destinazioni come l’Albania)» dice il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca.

Ad agosto, secondo i calcoli della stessa federazione degli albergatori, saranno più di 18 milioni le persone che soggiorneranno negli alberghi e nelle altre strutture ricettive italiane, per un totale di circa 83 milioni di pernottamenti (per il 41,9% di turisti stranieri e per il 58,1% di italiani).

«Quando i nostri politici facevano le cicale e godevano per tutti i segni “più” del turismo lo scorso anno, noi sostenevamo sempre che i segni erano positivi perché il mercato era “drogato” – aggiunge Bocca – e non avevamo in pista a gareggiare con noi tutta una serie di rivali storici, perché alle prese con tensioni politiche o terroristiche».

Bocca sottolinea anche come anche nella stagione estiva 2019 le vacanze di lusso continuino a crescere, mettendo a segno ottimi risultati e, al contempo, si registra la tendenza a spezzettare le ferie. «Quest’anno – dice – stiamo notando che sembra definitivamente tramontato il concetto della lunga pausa dal lavoro (dai 15 giorni alle 3 settimane) e si dividono le ferie in tante piccole vacanze. Sicuramente il pienone ci sarà la prossima settimana, quella di Ferragosto, che rimane quella clou. Con il settore del lusso che tiene e che non risente della crisi economica ed è quasi tutto formato dagli stranieri. I ricchi non vanno demonizzati, anzi bisogna puntare a un pubblico alto spendente e a un turismo di qualità».

Proprio per assecondare il turismo di lusso ad alto valore aggiunto, per il presidente degli albergatori è fondamentale il “tax credit” che permette agli imprenditori di rinnovare le strutture.

Cosa fanno e come si comportano gli italiani in vacanza? «Per quanto riguarda i connazionali nella stagione estiva c’è una grande attenzione al costo della vacanza, anche a scapito della qualità. Si punta a vacanze che costino meno o si va in Paesi di minor costo come Turchia e Nord Africa o, se si resta in Italia, puntando ai soliti maledetti appartamenti abusivi che non essendo ufficiali ed evadendo le tasse possono stare sul mercato a prezzi decisamente inferiori» sottolinea Bocca, ribadendo che se fosse registrato tutto il sommerso le presenze in Italia potrebbero addirittura «raddoppiare».

Riguardo agli abusivi, Bocca ricorda il codice identificativo delle strutture alberghiere ancora in alto mare: «io mi sono perso. C’è stato l’annuncio del codice che diventava legge e poi? In Italia fai una legge e poi bisogna attendere il decreto attuativo. Quando ero in Parlamento, venivano approvati i decreti attuativi delle leggi del governo Monti… C’è anche la legge che dovrebbe imporre ad Airbnb di pagare il 21% di sostituto d’imposta, ma ad oggi sono due anni che non pagano. Soprattutto in un momento di difficoltà, non dico di crisi perché non si può parlare di crisi nel turismo, il rispetto delle regole diventa determinante. Le presenze sarebbero il doppio se fossero considerate tutte, ufficiali e abusive. Il problema è che gli evasori sono un grosso bacino elettorale e quindi, finché si continua ad andare a votare ogni sei mesi, per paura di perdere voti li si tiene buoni. Bisognerebbe avere il coraggio di perdere qualche voto, ma fare politiche che premino gli onesti e puniscano i disonesti».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata