Nasce Confindustria Alto Adriatico dall’unione di Unindustria Pordenone e Confindustria Venezia Giulia

Una realtà forte di 1.300 associate. Agrusti: «l’accordo Pordedone-Trieste è un traguardo importante». 

0
471
Confindustria alto adriatico
Michelangelo Agrusti, presidente Unindustria Pordenone

Prosegue il riassetto delle territoriali di Confindustria, con la nascita di Confindustria Alto Adriatico frutto della fusione tra Unindustria Pordenone e Confindustria Venezia Giulia.

«Un matrimonio tra la città della scienza e quella della b» ha detto il presidente di Unindustria Pordenone, Michelangelo Agrusti -, una nuova territoriale detta dell’Alto Adriatico con oltre 1.300 aziende associate, grandi motivazioni e un peso rilevante nel contesto confindustriale italiano».

Per Agrusti si tratta di «un traguardo importante con sinergie straordinarie: la nostra collocazione geografica, ed insieme la nostra dimensione manifatturiera, ci hanno consentito di sviluppare progetti e realtà che, da un lato, hanno fatto nascere nuove imprese del navale; dall’altro, aumentato la subfornitura legata ad una domanda crescente che noi siamo in grado di soddisfare. Proprio questa doppia visione, di grande area manifatturiera, di importante centro di b, ha fatto diventare realtà quell’idea che, da una parte, Pordenone potesse trovare nuove opportunità nel ridefinirsi anche retro-cantiere di una delle più grandi società al mondo nel navale e, dall’altra, di diventare con la sua infrastruttura dell’Interporto retro-porto di tutta la portualità alto-adriatica, oltre che centro fondamentale di scambio da gomma a rotaia».

Porto e retroporti ma non solo: secondo Agrusti «a Trieste trovano sede importanti istituti di ricerca che ben si coniugheranno con i nostri centri di eccellenza e scienza applicata e si converrà che nella fase di trasformazione del sistema industriale che stiamo vivendo, questo rapporto potrà diventare straordinariamente virtuoso».

In ordine alla costituenda Confindustria Alto Adriatico, Agrusti ha anche annunciato di avere in agenda una serie di incontri istituzionali nella Venezia Giulia tra cui quello con il segretario generale dell’InCe, Roberto Antonione, teso a creare opportunità di internazionalizzazione per le imprese.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata