Confindustria Veneto, il Coronavirus taglia del 30% fatturato e ore lavoro

Indagine su campione 546 aziende. Carraro: «netto clima di sfiducia tra le imprese intervistate». 

0
803
confindustria veneto
Enrico Carraro, presidente Confindustria Veneto.

Secondo Confindustria Veneto gli effetti della pandemia da Coronavirus sul tessuto manifatturiero sono pesanti con il 34,4% delle aziende chiuse, il 32,64% parzialmente chiuse, mentre il 33,02% risultano attive. Il 16,5% dei dipendenti lavora attualmente da remoto. Per il 65,5% delle aziende il mese di marzo ha avuto effetti negativi: giudicati “severi” dal 37% e “significativi” per il 28,5%.

I dati emergono da una indagine flash rivolta alle imprese sull’impatto della pandemia in Veneto effettuata dal Centro Studi Confindustria e i cui dati sono stati rielaborati da Fondazione Nord Est, coinvolgendo 546 aziende venete dal 6 al 14 aprile 2020.

Per metà delle imprese di Confindustria Veneto intervistate, sia il fatturato che le ore lavorate del mese di marzo 2020 (rispetto allo stesso periodo del 2019) sono calate del 30%, per un quarto delle imprese la variazione negativa di questi fattori sarà superiore al 50%; oltre l’86% delle aziende riscontra un rallentamento della domanda di beni e servizi.

Tra le strategie che le imprese venete ritengono di mettere in campo – avendo come presupposto imprescindibile quello di una ripartenza che possa riportare gradualmente alla normalità – emergono la necessità di rivedere il paniere dei beni prodotti o venduti (31,9); ricalibrare i mercati di destinazione dell’export (22,8%); ricostituire il proprio magazzino (22,6%); aumentare la quota di vendite tramite e-commerce (21,4%).

«Dalla rilevazione – dichiara Enrico Carraro, presidente di Confindustria Venetoemerge un netto clima di sfiducia e di pessimismo (con oltre il 50% delle imprese che vedono cali consistenti di fatturato), corroborato da messaggi spesso contrastanti che arrivano da più parti. In questo modo si aumenta l’incertezza, mentre vediamo che gli altri Paesi europei già stanno ripartendo».

«Al momento, inoltre, non si percepiscono gli effetti delle manovre poste in essere dal governo – prosegue Carraro – in quanto i tempi di applicazione sono inadeguati alle reali necessità. Il tema della liquidità è considerato cruciale per il 30% del campione». Le imprese venete «sono pronte a ripartire in sicurezza, seguendo i protocolli e le misure precauzionali che verrà loro richiesto di adottare, ma devono poterlo fare tutte. Il rischio – sottolinea Carraro – di non riuscire a superare lo shock economico causato dalla pandemia è quindi reale. Filiere come quelle della Moda, del Legno-Arredo, della Meccanica, non rientranti nei codici Ateco essenziali, non possono rimanere ferme ulteriormente», anche perché i concorrenti internazionali, europei e non, non stanno ad attendere le titubanze e tentennamenti del Sior Giuseppi.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata